menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

16 anni senza Fabrizio Meoni. Castiglion Fiorentino ricorda il suo campione

Il sindaco Mario Agnelli, accompagnato dal figlio dello sportivo, ha reso omaggio al compianto concittadino

”Da 16 anni non corri più sulla terra, ma non hai mai smesso di volare tra i cuori della gente.  Non è l'unico modo che abbiamo per ricordarti, ma quello di oggi è e resterà per sempre il tuo giorno, il giorno di Fabrizio Meoni”. Così questa mattina il sindaco Mario Agnelli, insieme a Gioele Meoni figlio del grande campione, ha ricordato il 16esimo anniversario dalla tragica scomparsa del centauro. Un mazzo di fiori e un commosso momento di raccoglimento proprio lì, ai piedi della statua realizzata in onore di Fabrizio e posizionata lungo la regionale 71 alle porte di Castiglion Fiorentino.

“E’ una ricorrenza che ci fa sempre riflettere sugli ideali del nostro grande campione e su come proseguire l’impegno in Africa attraverso la Fondazione – fanno sapere dalla Fondazione che porta il suo nome. Ci lasciamo alle spalle un difficile anno 2020 che, però, non ha per nulla scalfito la nostra capacità d’intervenire su molti progetti in Africa e con ottimi risultati.  Ha influito su questo anche il fatto che diversi interventi erano stati programmati prima della pandemia e i fondi erano sufficienti. Tutto questo non può ripetersi nel 2021 senza un rinnovato aiuto dei nostri sostenitori e, speriamo, di nuovi. Intanto, in questo inizio di anno sono previsti alcuni interventi su scuole, soprattutto in Senegal, dopo che l’interruzione dovuta alla pandemia ha evidenziato i rischi di abbandono scolastico di tanti ragazzi, che spesso scelgono il lavoro per aiutare le proprie famiglie”.

La memoria di Fabrizio Meoni è ancora ben viva tra i castiglionesi e non solo. Lo dimostrano le tante iniziative in suo nome o, prima della pandemia, i tanti centauri che arrivavano a Castiglion Fiorentino per ripercorrere e visitare i luoghi preferiti da Fabrizio per i suoi allenamenti senza però dimenticarsi la consueta foto davanti alla statua che lo ritrae in sella alla sua moto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lampi e tuoni, come calcolare la distanza di un temporale

social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento