“Centro psoriasi” del San Donato, la qualità è certificata

Quello di Arezzo è uno dei primi in Italia ad aver ottenuto l’importante riconoscimento a tutto vantaggio dei pazienti

Il centro psoriasi dell’ospedale di Arezzo, interno alla Uoc dermatologia, è uno dei primi in Italia ad aver ottenuto la certificazione Iso 9001:2015 per il percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA), cioè il modello organizzativo assistenziale per garantire standard omogenei nell'erogazione dei servizi sanitari ai pazienti psoriasici, per monitorare specifici indicatori relativi a processi clinici e gestionali, organizzazione e competenza del personale, appropriatezza delle attrezzature, completezza e congruità della documentazione clinica e soddisfazione del paziente e dell' operatore. 

Il progetto è durato circa 16 mesi e la verifica, svolta da Bureau Veritas, ha evidenziato la piena adeguatezza dei modelli organizzati adottati.  

"Il conseguimento della certificazione vede Arezzo tra i primi centri psoriasi sul territorio nazionale ad aver voluto e raggiunto questo obiettivo. Testimonia grande impegno e dedizione dei professionisti e dell'azienda per offrire a tutto il territorio servizi innovativi di elevata qualità, in una logica di continuo miglioramento secondo i principi di equità ed appropriatezza” commenta Antonio Castelli, direttore della dermatologia.

La certificazione di qualità ed il PDTA hanno coinvolto i professionisti, medici ed infermieri, guidati dal referente del centro psoriasi Aldo Cuccia. 

“Il PDTA sottolinea la grande complessità della patologia che, soltanto per quanto riguarda la cura, prevede un elevato numero di opportunità terapeutiche – spiega Cuccia - Dai tradizionali farmaci anti psoriasici ai più moderni farmaci biotecnologici, ognuno dei quali è disponibile su tutto il territorio aziendale. La psoriasi è ad oggi la patologia dermatologica a produrre il più alto costo pro-capite in termini economici, sia diretti che indiretti. Negli ultimi anni i Centri psoriasi hanno assunto un ruolo di grande importanza nella gestione di questi pazienti, rappresentandone il punto di riferimento e di presa in carico”.

Il centro psoriasi è attivo all’interno della dermatologia dell'ospedale di Arezzo dal 2004. Per accedere, il cittadino può prenotare la visita dermatologica attraverso la richiesta del medico curante. I casi più complessi vengono presi in carico dal centro stesso.

La psoriasi è una malattia cronica che si manifesta con zone di cute eritematose, ispessite, con squame associate a prurito e dolore alle articolazioni. E' causata da infiammazione immuno-mediata della pelle e, meno frequentemente, delle articolazioni, in soggetti geneticamente predisposti. La psoriasi non è contagiosa ma può essere ereditaria. Infatti spesso più persone appartenenti alla stessa famiglia ne sono interessate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche se può comparire in qualsiasi zona del corpo, in genere si localizza in corrispondenza di gomiti, ginocchia, cuoio capelluto e parte lombare della schiena, oltre che ai palmi delle mani, alle piante dei piedi, in zona genitale ed alle unghie. L'estensione dell'interessamento cutaneo è variabile: si va da soggetti interessati da un numero molto limitato di piccole chiazze fino a pazienti con il corpo quasi completamente coperto da lesioni.

La psoriasi interessa in Italia quasi 2 milioni di persone, 100.000 in Toscana, 25.000 nella ASL Toscana sud est, 10.000 nel territorio aretino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento