menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
macellai

macellai

Cena di solidarietà dei macellai toscani: ad Arezzo raccolti 12mila 500 euro per i terremotati

Dodicimilacinquecento euro. È questo il bilancio complessivo delle iniziative di beneficenza organizzate dai macellai toscani di Federcarni-Confcommercio a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto dell’agosto scorso. Novemila euro sono...

Dodicimilacinquecento euro. È questo il bilancio complessivo delle iniziative di beneficenza organizzate dai macellai toscani di Federcarni-Confcommercio a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto dell'agosto scorso. Novemila euro sono stati raccolti ieri (domenica 25 settembre 2016) alla grande cena che si è tenuta ad Arezzo, alla quale hanno preso parte 550 persone; circa 3.500 euro provengono invece dalla sottoscrizione interna all'Associazione Macellai Aretina. In totale, 12milacinquecento euro che saranno interamente devoluti per i progetti di ricostruzione dei centri del reatino distrutti dal sisma.

"La nostra intenzione, anche su suggerimento del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli e del presidente della Confcommercio di Rieti, è di affidare direttamente l'incasso nelle mani del sindaco di Amatrice o di Accumoli, affinché lo utilizzi per un'opera di pubblica utilità", anticipa il presidente di Federcarni-Confcommercio Toscana Alberto Rossi.

Molto bello il colpo d'occhio della serata, con i tavoli apparecchiati per strada nella parte alta del centro storico, fra il Comune e l'antica cattedrale. Tra i commensali anche la presidente di Confcommercio Toscana Anna Lapini con il direttore generale Franco Marinoni, il presidente della Confcommercio di Rieti Leonardo Tosti e il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli. Dietro agli stand del buffet, i macellai arrivati da tutta la Toscana. "Ringrazio i colleghi che si sono dati da fare perché tutto fosse perfetto", sottolinea il presidente dei macellai toscani, "l'unità della nostra categoria, sempre pronta a mobilitarsi per una buona causa, è motivo personale di orgoglio. Impegnarci per il sociale, in fondo, è un modo per restituire alla gente un po' del sostegno e dell'affetto che riceviamo ogni giorno dai nostri clienti".

"Sappiamo che quanto abbiamo raccolto è poca cosa di fronte alle enormi necessità di quelle zone così duramente ferite, ma è pur sempre un segno tangibile della nostra solidarietà", prosegue Rossi, "ringraziamo di cuore quanti ci hanno aiutato a raggiungere questo risultato: le persone che hanno partecipato alla serata trasformando una raccolta fondi in un momento di convivialità e condivisione, le autorità che ci hanno sostenuto, a partire dal sindaco di Arezzo e dall'Arcivescovo per averci offerto una splendida location per la nostra tavolata: il maestro Enzo Scartoni per aver animato l'evento con la sua musica. Infine ringrazio anche la stampa, per averci aiutato a promuovere al pubblico l'iniziativa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento