Sabato, 13 Luglio 2024
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cassintegrati e disoccupati: il Comune ne assume 13. Ecco il bando

Tredici nuovi lavoratori in forza al Comune di Arezzo. Quattro addetti alla manutenzione stradale, quatto per il verde pubblico, quattro per gli immobili comunali e uno addetto alla conduzione di automezzi. Questi i profili richiesti...

Tredici nuovi lavoratori in forza al Comune di Arezzo. Quattro addetti alla manutenzione stradale, quatto per il verde pubblico, quattro per gli immobili comunali e uno addetto alla conduzione di automezzi.

Questi i profili richiesti dall’amministrazione aretina che proprio in queste ore ha reso nota la pubblicazione di un bando interamente incentrato sul potenziamento dei propri dipendenti.

Ma attenzione, non tutti potranno presentare richiesta. La ricerca sarà fatta infatti fra personale in mobilità, e tra coloro che percepiscono trattamento di sostegno al reddito compresa la cassa integrazione in deroga e trattamento straordinario di integrazione salariale. “Fino a 20 ore settimanali – precisa l’assessore Gamurrini - questi lavoratori sono a carico dello Stato ma ho fatto aumentare le loro ore di impiego, 5 alla settimana in più per ciascuno, con un aumento di retribuzione mensile a carico del Comune di 200 euro a lavoratore, anche come stimolo in più per chi vuole partecipare. Nel caso il bando vada deserto è previsto che si possa attingere alle graduatorie dell'Inps. Il bando è aperto fino al 5 ottobre. Alla fine di quest'ultimo mese contiamo di avere questi 13 nuovi assunti per 6 mesi, rinnovabili fino a un anno. Ovviamente, questi soggetti saranno forniti di ogni materiale e abito necessario alla loro mansione. Per dare conto della dotazione organica di personale di cui a oggi dispongo per la manutenzione stradale, cito il fatto che ho 4 operai. L’amministrazione, dunque, dà un segnale di forte attenzione verso quelle categorie di cittadini che vivono un momento difficile. Con questo progetto ne favoriamo il reinserimento sociale”.

“Questa Giunta – ha concluso il sindaco Alessandro Ghinelli – dà corso a una sinergia fra esigenze di lavoro e la necessità di ricoprire determinati ruoli nella pianta organica del Comune. Non saranno numeri eccezionali ma vediamo questo bando come un progetto pilota che contiamo di ripetere. Il Comune si fa parte attiva per dare una risposta al problema dell'occupazione. E a proposito di Comune, presto ci saranno i passaggi consiliari ed esecutivi propedeutici alla riorganizzazione dell’ente”. ghinelli_gamurrini Dunque, lo scopo dell’iniziativa, così come sottolineato dagli amministratori cittadini, è quello di dare delle prime risposte al problema occupazionale. Ma di fatto il bando apre un’altra questione: quella legata ai lavori socialmente utili da far svolgere (senza retribuzione) ai richiedenti asilo. Recentemente la Regione Toscana ha sottolineato come siano a disposizione degli incentivi per le amministrazioni che impiegano tale personale. “Purtroppo la cifra che viene proposta come ‘incentivo’ – ha sottolineato Gamurrini – non è sufficiente a coprire spese assicurative, trasporti e, soprattutto formazione. Il bando in questione ad esempio ha una durata massima di 12 mesi. E’ riservato esplicitamente a personale già formato per evitare di dover pagare qualcuno che debba imparare il lavoro da zero. Se avessimo scelto i richiedenti asilo come destinatari avremmo dovuto mettere in conto dei costi che avrebbero gravato di non poco sulle casse comunali. Comunque, valuteremo in futuro se proporre, e in che modalità, dei lavori socialmente utili anche per i migranti accolti nel comune di Arezzo”. Il bando è pubblicato su www.comune.arezzo.it e www.impiego.provincia.arezzo.it, il candidato dovrà presentare domanda di partecipazione presso il Centro territoriale per l’impiego. I requisiti, oltre a quelli sopra citati, sono età non inferiore a 13 anni, essere residenti in uno dei Comuni facenti parte dell’ambito territoriale del Centro per l’impiego di Arezzo, per l’addetto alla conduzione di automezzi è richiesta anche la patente D con certificato di qualifica conducente CQC.

Video popolari

ArezzoNotizie è in caricamento