rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Attualità

Cas: ripartono iniziative su sanità e sicurezza. Nasce il "tutor civico"

La vicesindaca Lucia Tanti: "Saranno sempre più spazi di informazione, partecipazione e amministrazione a km zero. Contraria a chi ne vuole fare satelliti di partito o piccoli consigli comunali di non eletti"

Superato definitivamente il covid è tempo per i centri di aggregazione sociale di riprendere la loro strada come punti di diffusione ed informazione per i cittadini di Arezzo su temi centrali come la salute, la prevenzione, la sanità, la sicurezza sociale, la lotta alle truffe e il tema legato al risparmio e al rapporto con le banche. Da qui una calendarizzazione proposta a tutti i 23 centri e che l'amministrazione comunale ha costruito in collaborazione con la Polizia Municipale, la Asl e la Banca d'Italia su questioni che sono all'ordine del giorno. Ogni centro si trasformerà in un luogo di informazione e divulgazione e sarà quindi una sorta di spazio civico di confronto tra cittadini ed istituzioni. Ma non solo: la vera novità è la nascita del "tutor civico": una sorta di facilitatore che metterà in pratica tutte quelle azioni affinché il rapporto sia sempre più all'insegna del Km zero.

“Il "tutor civico" è una sperimentazione che vuol rafforzare i centri di aggregazione come spazi di cittadinanza e come cinghia di trasmissione tra cittadini e istituzioni - commenta la vicesindaca Lucia Tanti - Questa è la funzione che per me hanno i centri di aggregazione sociale e che intendo rafforzare sempre di più. Sono invece contraria a chi vorrebbe trasformare queste esperienze a un passato dove, per tradizione, una parte politica ne faceva quasi una casa propria né è possibile pensare di trasformare questi luoghi in consigli comunali di quartiere non eletti da nessuno. Se è legittimo, e io sono tra questi, rimpiangere le circoscrizioni e spingere perché oltre alla elezione diretta delle province tornino i consigli di circoscrizione, non è legittimo "giocare" alla rappresentanza in contesti che non hanno l'avallo elettorale né il mandato popolare. I Cas oggi sono dei luoghi importanti da riempire di contenuti ma non possiamo inventarci di farli diventare consiglini comunali di non eletti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cas: ripartono iniziative su sanità e sicurezza. Nasce il "tutor civico"

ArezzoNotizie è in caricamento