menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Otto è in canile da 40 giorni per via dell'ordinanza Lyssavirus. "Ha problemi di salute, va rilasciato". Spiragli per Kira

Ha 9 anni ed è un incrocio tra un pincher e un bassotto. L'appello della proprietaria: "Non può fare il vaccino anti rabbia e uscire prima dal canile"

Sembra che si stia risolvendo positivamente la situazione di Kira, la cagnolina che si trova in canile dopo essere scappata la notte di San Donato, spaventata dai rumori dello spettacolo pirotecnico. In base all'ordinanza anti Lyssavirus del sindaco Ghinelli, Kira, trovata fuori casa, deve rimanere in quarantena in canile per 6 mesi (a meno che non faccia il vaccino contro la rabbia, riducendo così a 2 mesi il periodo di isolamento). Dopo l'appello della proprietaria, una soluzione pare intravedersi. 

Finalmente - scrive Orietta su facebook - sembra che qualcosa si stia muovendo per poter riportare Kira a casa. Il sindaco ci ha contattati e ci ha rassicurati, promettendoci che lunedì, con il supporto dei responsabili Usl, cercherà di trovare il modo per poterci restituire il cane, nel rispetto delle condizioni e precauzioni che ci verranno impartite.

Ma se una storia ha un lieto fine, un'altra è ancora in balìa dell'incertezza. E' quella di Otto, cagnolino di una nostra lettrice che si trova in canile ormai da quasi 40 giorni, dallo scorso 1° luglio, a seguito della stessa ordinanza. Il caso di Otto - incrocio di pincher e bassotto - è stato segnalato anche dall'associazione animalista Oipa.

Stasera vogliamo dare visibilità anche alla triste storia di Otto. Otto - scrive Oipa - ha 9 anni, è lontano dalla sua casa e dalla sua famiglia, in canile, dal 1° luglio. Non può vedere nessuno dei suoi. Ha problemi alla colonna vertebrale. A causa della'ordinanza Lyssavirus dovrà restare in canile ancora per molti mesi. Non è giusto, è una grandissima sofferenza per questo cagnolino e per la sua famiglia. Condividiamo anche il suo appello perché la sua storia possa avere la giusta visibilità.

La proprietaria, Daniela, ci scrive: "Non potrebbe neppure fare la vaccinazione antirabbica", e quindi tornare a casa entro breve, "a causa del suo problema e del fatto che anche se ha 9 anni ma è di taglia piccola". E ancora: "Mi informo continuamente con i ragazzi del canile e mi dicono che sta bene, che è buono. Ma vedono che gli manca casa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

  • Psicodialogando

    Sono stato tradito da mia moglie. E adesso?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento