menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Croce Rossa Arezzo: oscurate e cancellate le pagine Facebook

Nessuna possibilità di condividere articoli e informazioni riportati e aggiornati sul sito del Comitato, di pubblicizzare le raccolte fondi e di aggiornare o dare indicazioni sulle attività in vista del Natale

Le pagine Facebook della Croce Rossa Italiana Comitato di Arezzo e dei giovani sono state oscurate senza alcun preavviso. Sono state aperte le richieste di assistenza come da indicazioni da parte del centro supporto del portale quasi immediatamente lo stesso giorno. Questo è accaduto prima lo scorso 4 novembre con la pagina del comitato e poi il 4 dicembre con la pagina dei giovani. All’apertura di una nuova richiesta di assistenza il giorno stesso, non c’è stato alcun tipo di riscontro, anzi il giorno dopo, il 5 dicembre, la pagina risultava cancellata anche dai pannelli di gestione degli incaricati a gestire i social del Comitato.

Nessuna possibilità di condividere articoli e informazioni riportati e aggiornati sul sito del Comitato, di pubblicizzare le raccolte fondi e di aggiornare o dare indicazioni sulle attività in vista del Natale.

«È possibile che il link che hai seguito sia corrotto o che la pagina sia stata rimossa» è il messaggio che appare a chi cerca di visualizzare la pagina che conta quasi 2 mila iscritti. Allo stato attuale non è stato ancora ricevuto alcun feedback da parte dell’assistenza né tanto meno una risoluzione al problema ancora in corso, ormai da più di un mese. 

«Il team addetto all’analisi dei contenuti — si legge eseguendo la procedura di segnalazione — è stato ridotto per l’epidemia Covid. Facciamo il possibile per dare priorità al controllo di quelli che potrebbero essere più dannosi».

Questo potrebbe significare tempi lunghissimi per ripristinare una pagina che dannosa non lo è mai stata né tanto meno è una pagina fasulla o gestita da terzi senza permesso. Non ci spieghiamo quindi da cosa sia dovuta questa azione ai danni delle pagine del Comitato di Arezzo che di certo non ha mai condiviso contenuti che vìolino le norme di buona condotta richieste dal Social in questione.

Quale messaggio, immagine, post, contenuto o informazione riportata è stato ritenuto “sospetta” tanto da oscurare la pagina preventivamente, non lo sappiamo. Da anni la pagina è servita per promuovere iniziative, campagne di sensibilizzazione, condividere foto e articoli, allerte meteo locali, attività in corso e informazioni per richiedere il supporto del Comitato.

Una delle ipotesi è che alcuni contenuti pubblicati sulla pagina siano stati segnalati da alcuni «haters». Probabilmente sono persone che conoscono i meccanismi che fanno scattare l’allerta automatica che porta a rimuovere contenuti o intere pagine come “false” o “inappropriate”. Nulla si può escludere in questo momento, fatto sta che lo strumento più immediato per raggiungere molte persone contemporaneamente, quale è la pagina Facebook, è ora bloccato.

"Nel frattempo invitiamo la popolazione a consultare il nostro sito istituzionale https://criarezzo.it/ in primis e gli altri canali social ufficiali del comitato: Instagram: @cri_arezzo (https://www.instagram.com/cri_arezzo), Twitter: @cri_arezzo (https://twitter.com/cri_arezzo). Speriamo di poter tornare presto anche su Facebook, in attesa di un riscontro da parte dell’assistenza per chiarire finalmente la problematica in corso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento