Attualità Pescaiola / Via Pietro Nenni

Calcit, consegna di due macchinari per la senologia

Entrami gli strumenti saranno destinati ed utilizzati nel Centro di Senologia (Brest Cancer Unit) con la collaborazione della Ausl Sudest Toscana per migliorare sensibilmente l’appropriatezza dei test diagnostici rivolti essenzialmente alle donne dai 45 ai 74 anni le quali aderiscono allo screning mammografico. 

Giovedì 31 gennaio, alle ore 11,30, presso l’Auditorium Pieraccini dell’Ospedale San Donato di Arezzo sarà perfezionata formalmente la donazione, con la materiale consegna, di due apparecchiature di alta e modernissima tecnologia. Si tratta di un mammografo 3Dimension con tomosintesi (esame di esplorazione trasversale ed in profondità), sistema stereotassico (classificazione) con mezzo di contrasto, nonché di un ecografo senologico di eccezionale fascia.
Entrami gli strumenti saranno destinati ed utilizzati nel Centro di Senologia (Brest Cancer Unit) con la collaborazione della Ausl Sudest Toscana per migliorare sensibilmente l’appropriatezza dei test diagnostici rivolti essenzialmente alle donne dai 45 ai 74 anni le quali aderiscono allo screning mammografico. 
Ormai il campo operativo del Comitato cittadino, per quanto riguarda il Centro ospedaliero, e cioè la Sanità pubblica locale, ha raggiunto un’ampia e sostanziosa rilevanza a beneficio delle persone bisognose di salute, tramite ovviamente le prestazioni di conoscenze del “G.O.M. - Gruppo Oncologico Multidisciplinare” della mammella, accreditato dalla Regione Toscana, il quale fa parte del Network Italiano dei Centri di Senologia.
Il Calcit si inserisce, così, in un piano allargato e radicato nazionalmente definito “ Medicina di precisione” in cui appaiono molte discipline e magari sotto maggiore luce di intercettazione la “Chirurgia” (robot) e la Radioterapia ( basata sui costanti perfezionamenti tecnologici). Questo piano ha anche l’obbiettivo di stimolare l’adesione al programma del tumore alla mammella promosso dalla AUSL Sudest Toscana attraverso avvisi personalizzati.

Gli acquisti del mammografo e dell’ecografo, dal costo di circa 370mila euro, sono stati realizzati con il ricorso ad agevolazioni di legge perchè strumenti che provengono direttamente dall’estero, e con un mutuo ottenuto da Ubi Banca.
Ancora una volta, come negli anni precedenti, il Calcit tramite la generosità delle comunità ha potuto portare a termine, nei tempi previsti, la programmazione che aveva individuato e si era data per l’anno 2018.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcit, consegna di due macchinari per la senologia

ArezzoNotizie è in caricamento