menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Bruno Tommassini Puglierse, consigliere speciale

Bruno Tommassini Puglierse, consigliere speciale

Bruno Tommassini consigliere speciale di Nardella per moda, arti e mestieri

Tra i fondatori dell’Arcigay, Bruno Tommassini è partito da Sinalunga fino ad arrivare a lavorare con le grandi griffe

C'è anche Bruno Tommassini tra gli undici ‘consiglieri speciali’ nominati dal sindaco di Firenze Dario Nardella. Una giunta ombra o per meglio dire, un team di esperti che dovranno affiancare il lavoro degli amministratori offrendo (gratuitamente) le proprie competenze e capacità.

Tra questi non poteva mancare l'attuale presidente di Federmoda Toscana, nonché apprezzato stilista e imprenditore della scena nazionale della moda che ha trovato casa in quel di Arezzo.

Senese di nascita e aretino di adozione, il manager è particolarmente apprezzato e conosciuto, per il suo impegno nella lotte per i diritti degli omosessuali e delle donne lavoratrici. Tra i fondatori dell’Arcigay, Bruno Tommassini 66 anni, è partito da Sinalunga fino ad arrivare a lavorare con le grandi griffe della moda, passando per essere un impiegato pubblico e un funzionario della Cna a Firenze.

Bruno Tommassini si racconta: la lotta sindacale, la moda e Prodigio Divino

Al fianco di Dario Nardella, Bruno Tommassini si occuperà di ricoprire il ruolo di consigliere speciale per le arti e i mestieri della moda.

Ecco l'elenco completo dei consiglieri incaricati direttamente da Dario Nardella.

1. Salvatore Nastasi, già direttore generale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e vice segretario generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri: consigliere strategico.

2. Stefano Mancuso, scienziato e professore all’università di Firenze: consigliere per il progetto Firenze verde.

3. Gianpaolo Donzelli, professore ordinario di pediatria dell’università di Firenze e presidente della Fondazione Meyer, confermato come consigliere per la natalità e l’infanzia.

4. Michele Uva, vice presidente UEFA: consigliere per lo stadio e i grandi impianti sportivi.

5. Paolo Barberis, consigliere per la transizione digitale, già consigliere per l’innovazione del Presidente del Consiglio dei Ministri.

6. Bruno Tomassini, imprenditore, stilista e presidente Cna Federmoda Toscana: consigliere speciale per le arti e i mestieri della moda.

7. Alessandro Petretto, professore ordinario di economia pubblica all’università di Firenze confermato consigliere per le politiche economiche.

8. Lucia Aleotti, consigliera per la promozione dell’imprenditoria e del lavoro femminile. È presidente di Menarini Industrie Farmaceutiche.

9. Giuseppe Quattrocchi, già magistrato e Capo della Procura di Firenze, confermato consigliere per la legalità.

10. Costanza Hermanin, ricercatrice e studiosa di materie sociali e internazionali, dirigente di Più Europa: consigliera per il Terzo Settore e il volontariato.

11. Fabrizio Landi, membro del cda di Leonardo spa, Menarini Diagnostics, Firma e Silicon Biosystem, presidente della Fondazione Toscana Life Sciences e esperto di innovazione e di sviluppo di nuove aziende: consigliere delegato al coordinamento del consiglio delle grandi imprese. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento