rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Attualità

"Salviamo un bosco in più". La Racchetta al lavoro per piantare nuovi alberi, il progetto

Rigenerare e preservare la natura attraverso l’azione di comunità inclusive: è l’iniziativa che la Racchetta lancia con una campagna di crowdfunding su Eppela

Partito il crowdfunding “Salviamo un bosco in più” che sarà attivo dall’8 aprile fino al 21 maggio sulla piattaforma Eppela www.eppela.com/salviamounbosco e grazie al quale si può donare per sostenere una bella iniziativa dell’associazione La Racchetta, associazione di volontariato antincendi boschivi e protezione civile che opera con 32 sezioni e 1800 soci in molte province toscane.

Il progetto è stato pensato all’interno dell’iniziativa Social Crowdfunders, promossa da Fondazione CR Firenze, all’interno del progetto Siamosolidali, in collaborazione con la cooperativa Feel Crowd. A livello locale le sedi della Racchetta Odv funzionano da centro di aggregazione sociale e sono punto di riferimento per la cittadinanza che spesso si rivolge ai volontari anche per servizi di pubblica utilità.

Durante i due anni di pandemia questo legame si è ancora di più rafforzato e vedere tante persone in difficoltà ha fatto nascere l'idea di realizzare un progetto che, mettendo al centro la natura e le sue bellezze, consentisse di ridare vita ai luoghi accogliendo e integrando tutte le persone e coloro che maggiormente hanno sofferto l’isolamento obbligatorio.

In particolare nelle sezioni di Arezzo, Capalbio, Montespertoli e Sesto Fiorentino saranno organizzate delle giornate aperte alle comunità locali con la partecipazione di associazioni che si occupano di sostenere persone con disabilità nelle quali saranno organizzate molteplici attività.

“Sono state scelte aree a verde urbano o percorse in passato da incendi boschivi dove poter piantare insieme alberi - dichiara la presidente della Racchetta Odv Michela Borsò - I partecipanti potranno vivere le attività di spegnimento di un incendio boschivo o di un un’intervento di protezione civile, imparare ad avere cura di fiori e piante o gestire un orto, mettere in pratica tanti piccoli suggerimenti per avere cura dell’ambiente e lasciare alle generazioni future la possibilità di godere della bellezza della natura. Sono concetti fondamentali che saranno approfonditi anche in momenti conviviali necessari per cementare amicizie e credere negli obiettivi".

“Social Crowdfunders è un percorso di crescita per le organizzazioni non profit – afferma Gabriele Gori, direttore fenerale di Fondazione CR Firenze – che sono chiamate a mettersi in gioco con proposte creative e innovative. La Fondazione CR Firenze mette loro a disposizione lo strumento del crowdfunding e si impegna a duplicare le donazioni delle campagne, affinché riescano a raggiungere i propri obiettivi. Oltre a noi, c’è bisogno che anche la comunità faccia la propria parte. Mi auguro che in tanti cittadini possano contribuire al progetto de “La Racchetta O.D.V.”, aiutandoci a trasformarlo in realtà”.

All’iniziativa hanno già aderito alcune associazioni del territorio come Anfass Firenze, Turtle Baskin Montesport, Baskin Mugello, il Comune di Montespertoli che ha dato il suo patrocinio e l’Unione dei Comuni Montani della Valdisieve e del Casentino che donerà gli alberi da piantumare.

Per realizzare questa iniziativa La Racchetta ha pensato al crowdfunding partecipando ad un bando promosso dalla Fondazione CR Firenze grazie al quale, ogni donazione effettuata avrà ancora più valore. Prima di tutto perché Fondazione CR Firenze raddoppierà l’importo donato se l’associazione riuscirà a raggiungere in donazioni almeno la metà dell’obiettivo prefissato sulla piattaforma, ovvero 8.000€.

In secondo luogo perché per ciascuna donazione verrà piantato un un albero nelle zone individuate dalle sezioni della Racchetta. Ma non solo, in caso di donazioni importanti fatte da aziende o privati, La Racchetta fornirà alberi e aiuto per creare un piccolo bosco in luoghi scelti dal donatore.

I fondi raccolti verranno utilizzati per l’allestimento di alcune aree verdi che verranno rese fruibili e accessibili ai diversamente abili, per l’ingaggio di guide ambientali che porteranno i gruppi a fare dei percorsi nella natura ma anche per organizzare logisticamente le giornate ambientali e fornire merende e gadget ai partecipanti.

Con lo scopo di coinvolgere più persone possibili nella raccolta l’associazione metterà a disposizione dei sostenitori alcune ricompense-premio sulla piattaforma Eppela che potranno essere ritirate nelle sedi Racchetta oppure, su richiesta, potranno essere consegnate a casa al termine della campagna.

La raccolta fondi può essere sostenuta su www.eppela.com/salviamounbosco dall'8 aprile al 21 maggio oppure direttamente tramite bonifico intestato a La Racchetta IBAN IT47G0306938085100000001101 inserendo la causale “donazione liberale Salviamo un bosco in più”, oppure in contanti durante gli eventi presieduti dalla Racchetta o presso le loro sedi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Salviamo un bosco in più". La Racchetta al lavoro per piantare nuovi alberi, il progetto

ArezzoNotizie è in caricamento