Nata l’associazione dei Borghi più belli d’Italia in Toscana

Anche la Toscana, al pari di altre Regioni, ha costituito l’associazione territoriale de I Borghi più belli d’Italia che, in questo caso, aggiunge al nome il proprio complemento di stato in luogo

Anche la Toscana, al pari di altre Regioni, ha costituito l’associazione territoriale de I Borghi più belli d’Italia che, in questo caso, aggiunge al nome il proprio complemento di stato in luogo. 
L’associazione I Borghi più belli d’Italia, nata nel 2001, su impulso della Consulta del Turismo dell’ANCI nazionale e che oggi comprende trecento sette Borghi, anche in Toscana è una realtà ben consolidata con ventiquattro Borghi aderenti.           
Ne fanno parte i comuni di Anghiari, Barga, Buonconvento, Capalbio, Castelfranco Piandiscò, Castiglione di Garfagnana, Cetona, Coreglia Antelminelli, Greve in Chianti (Montefioralle), Isola del Giglio (Giglio Castello), Loro Ciuffenna, Lucignano, Montaione, Manciano (Montemerano), Montescudaio, Palazzuolo sul Senio, Pitigliano, Poppi, Monte Argentario (Porto Ercole), Ortignano Raggiolo (Raggiolo), San Casciano dei Bagni, Santa Fiora, Scarperia e San Piero (Scarperia), Sorano (Sovana) e Suvereto.  
Far parte de I Borghi più belli d’Italia significa impegnarsi a valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani, in gran parte, non ancora ben conosciuto dai visitatori e dai turisti e che costituisce l’identità più vera, ancora integra, del territorio toscano.
Così, lo scorso 28 luglio, nell’auditorium del Consiglio regionale, a Firenze, alla presenza di Fiorello Primi, presidente dell’associazione nazionale I Borghi più belli d’Italia e di Rosalba Cardinale, consigliere nazionale per la Toscana, i sindaci dei Comuni dei Borghi toscani hanno costituito l’associazione I Borghi più belli d’Italia in Toscana: un nuovo soggetto istituzionale per promuovere l’intero territorio rappresentato e per intraprendere un percorso comune atto a valorizzarne gli itinerari e, soprattutto, ad unire le proprie forze per affrontare le grandi sfide che investono tutti i nostri borghi toscani, ovvero favorirne la crescita, unita ad uno sviluppo sostenibile e capace di frenarne lo spopolamento, preservando un salutare stile di vita.
E per sottolinearne ulteriormente l’aspetto istituzionale e la forza dell’identità toscana di tutti i Borghi della Regione, ANCI Toscana si è resa disponibile ad offrire i propri locali come sede legale dell’associazione.
Hanno portato i propri saluti, il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, che ha sottolineato “la capacità evocativa dei Borghi non distesi a conformazione urbana, ma centri con quel profilo della vita della comunità che, contemporaneamente, salvaguarda una storicità e un profilo di bellezza che la Toscana proprio per questo vive come proiezione in Italia, in Europa e nel mondo” e la vicepresidente del Consiglio regionale, Lucia De Robertis che, ponendo l’accento sulle 150.000 persone che vivono nei Borghi dell’associazione, ha puntato l’attenzione “su come si debba ripartire dalle persone che nei Borghi vivono, lavorano, hanno investito, vogliono tornare, debbano tornare, per far sì che i Borghi non siano abbandonati”, e di quanto sia massimo l’impegno della Regione “per far rete tra i Comuni, finalizzato a sentirsi sempre un’unica comunità toscana, anche per attrarre turismo e per creare condizioni perché nei borghi le persone continuino a stare, a vivere, a lavorare, dove possano e debbano trovare servizi, supporto in prossimità per farli sentire appartenenti ad una comunità che rispetta il loro essere nati e vissuti in un Borgo, che noi chiamiamo tra i più belli d’Italia, che non deve essere vuoto ma accogliente, sia per le persone che lo visitano, e – soprattutto – per coloro che vi abitano, ci lavorano”. “Possiamo rendere i nostri Borghi i più belli del mondo – ha continuato al vicepresidente De Robertis -  ma se non ci sono i servizi, se non c’è la voglia della comunità che rispetta i bisogni di tutti, dal più piccolo al più anziano, rischiamo di perdere la nostra scommessa con la Storia”. 
Anche l’assessore regionale alle infrastrutture, mobilità, urbanistica e politiche abitative, Vincenzo Ceccarelli è intervenuto all’incontro, ricordando l’impegno della Regione con misure verso i piccoli Comuni (tra cui, i progetti di rigenerazione verso le aree interne, aiuto alla manutenzione delle strade, le strategie delle aree interne), “misure che vanno nella direzione di sostenere e valorizzare i Borghi toscani: mantenendo, valorizzando e promuovendo il patrimonio affidato alle Amministrazioni e creando delle ciclovie, seguendo anche i Cammini riconosciuti dalla Regione, infrastrutture importanti per far conoscere e frequentare quella parte di Toscana che, siamo certi, nei prossimi anni, conoscerà un nuovo flusso di turismo, di iniziativa, più colto, più qualificato, quello che serve ai nostri territori per poter crescere e invertire quella tendenza allo spopolamento che, purtroppo, si è affermata negli anni passati”. “E, sempre più – ha concluso Ceccarelli –, dovremo lavorare sui servizi perché le persone possano continuare a vivere in territori di per sé disagiati, in quanto lontani dai grandi centri, trovando forme sempre più proprie per eliminare questo gap”.
L’associazione de I Borghi più belli d’Italia in Toscana ha anche provveduto ad eleggere le proprie cariche sociali: per il prossimo triennio ha assunto la carica di presidente Elisabetta Giudrinetti (delegata dal comune di Ortignano Raggiolo), che mantiene anche il ruolo di coordinatore regionale, vicepresidente Riccardo Conti (sindaco di Buonconvento), segretario Nicoletta Cellai (assessore di Loro Ciuffenna) e tesoriere Alessio Meloni (assessore di Palazzuolo sul Senio). Fanno parte del consiglio direttivo anche Roberta Casini (sindaco di Lucignano), Roberto Tamagnini (consigliere di Castiglione di Garfagnana) e Valeria Bruni (consigliere di Manciano).  
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Corsa a sindaco, tutti i risultati che hanno portato al ballottaggio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento