I Borghi più belli d'Italia: la top five aretina e il primato di Ortignano Raggiolo

Il capoluogo casentinese assume la presidenza della neonata associazione I Borghi Più Belli d’Italia in Toscana

Fino a poco tempo fa erano soltanto cinque. Poi, da Casentino selvaggio, ecco che si è aggiunto anche Ortignano Raggiolo, vera e propria perla immersa nel verde delle foreste. Sono Anghiari, Castelfranco Piandiscò, Loro Ciuffenna, Lucignano e Poppi i borghi più belli d’Italia e adesso, ad ingrossare le fila si è aggiunto anche il piccolo capoluogo casentinese. Un ingresso in grande spolvero visto che assume la presidenza della neonata associazione de I Borghi Più Belli d’Italia in Toscana in virtù dell’elezione della sua delegata Elisabetta Giudrinetti. I ventiquattro borghi toscani inseriti nel circuito de I Borghi Più Belli d’Italia hanno dato vita ad un progetto congiunto di sviluppo turistico e territoriale che è stato ufficializzato a Firenze presso l’auditorium del Consiglio Regionale della Toscana. A seguito della costituzione dell’associazione de I Borghi Più Belli d’Italia in Toscana sono state elette le cariche sociali che avranno la responsabilità di coordinare questo percorso, volto alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio diffuso in tutta la regione. La presidenza è stata affidata a Giudrinetti, a compimento di un percorso avviato lo scorso dicembre con la sua elezione come coordinatrice toscana del circuito de I Borghi Più Belli d’Italia, su indicazione proprio del Comune di Ortignano-Raggiolo e de La Brigata di Raggiolo. Il lavoro svolto negli ultimi mesi ha gettato le basi per la nascita di una vera e propria associazione che sarà ora guidata dalla giornalista aretina.

«Questa elezione è motivo di orgoglio e di vanto per il nostro Comune - commenta Emanuele Ceccherini, sindaco di Ortignano-Raggiolo. - Le esperienze e le competenze di Giudrinetti rappresentano un valore aggiunto per le strategie di sviluppo che saranno attuate dalla neocostituita associazione de I Borghi Più Belli d’Italia in Toscana. Un ringraziamento particolare va a La Brigata di Raggiolo che ha giocato un ruolo fondamentale e che da sempre è in prima linea per la valorizzazione turistica del nostro territorio».

La nuova associazione potrà fare affidamento su una collaborazione continua e costante con Fiorello Primi, presidente de I Borghi Più Belli d’Italia, e opererà in relazione diretta con la Regione Toscana, come sottolineato dalla presenza, al momento della costituzione, del presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani, della vicepresidente del Consiglio Regionale Lucia De Robertis e dell’assessore Vincenzo Ceccarelli. Tra le cariche sociali rientrano anche la vicepresidenza affidata al sindaco di Buonconvento Roberto Conti e la segretaria all’assessore di Loro Ciuffenna Nicoletta Cellai, mentre farà parte del direttivo anche il sindaco di Lucignano Roberta Casini. La rilevanza istituzionale del progetto de I Borghi Più Belli d’Italia in Toscana è ulteriormente ribadita dalla sinergia anche con Anci Toscana che ha accettato di accogliere la sede legale della nuova associazione presso i propri locali a Firenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento