Attualità

Bonus pubblicità 2018: cos’è, come funziona e chi ne può usufruire

Una delle novità più attese di quest’anno è il bonus pubblicità 2018, uno sgravo fiscale che spetta a tutte le imprese che investono in pubblicità su carta stampata, televisione ed emittenti radiofoniche. Il bonus dedicato alla pubblicità non è...

tablet-atam-parcheggi

Una delle novità più attese di quest'anno è il bonus pubblicità 2018, uno sgravo fiscale che spetta a tutte le imprese che investono in pubblicità su carta stampata, televisione ed emittenti radiofoniche. Il bonus dedicato alla pubblicità non è ancora stato ufficializzato ma lo sarà a breve. La buona notizia è che ne possono usufruire tutti: liberi professionisti, lavoratori autonomi e le imprese, sia quelle più grandi e strutturate che le startup e le micro imprese. Il credito d'imposta oscillerà tra il 75% e il 90%, in base al tipo di impresa o attività.

Il bonus pubblicità è un bonus fiscale che è stato introdotto con la Manovra Correttiva dell'articolo 57-bis, decreto legge 50/2017, rientra tra gli obiettivi stabiliti Legge Delega 198/2016 che riguardano dei benefici fiscali verso chi investe in pubblicità. L'accesso al bonus non è ancora stato ufficializzato ma i requisiti dovrebbero essere abbastanza semplici, l'unico vincolo è che l'investimento in pubblicità del 2018 sia superiore a quello fatto nell'anno precedente. Ciò implica che avranno accesso al bonus le aziende e i professionisti che nel 2017 hanno investito una parte dei loro introiti in pubblicità. L'investimento deve aumentare di un minimo dell'1%, quindi sostanzialmente è una formalità.

Questa agevolazione vale per ogni tipo di canale promozionale: quotidiani e periodici, emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, insomma un po' di tutto, questo ci permette di trovare la strategia più giusta per il nostro business. Il bonus pubblicità è sicuramente una proposta interessante perché da un lato fa girare un po' l'economia e aiuta i media a sopravvivere in questo periodo così complesso, soprattutto per editoria e carta stampata, dall'altro invoglia e aiuta le aziende a scommettere su se stesse offrendo una marcia in più, specialmente a chi esercita la libera professione.

Promuoversi e curare la propria immagine è parte integrante del lavoro, ci sono vari passaggi fondamentali che si dovrebbero curare per costruire la propria reputazione professionale. Un sito web aggiornato e facilmente navigabile, dei canali social ordinati e attivi, un ufficio in cui dare appuntamenti ai clienti e poi un biglietto da visita da sfoderare all'occorrenza. I biglietti da visita sono uno strumento di lavoro molto efficace, a volte tendono ad essere sottovalutati, ma in molti casi riescono a fare la differenza tra un'informazione volante che passa di mente dopo 5 minuti e un contatto reale che può portare lavoro e opportunità.

Il mondo del lavoro è in continua evoluzione, bisogna essere sempre aggiornati, promuoversi e trovare strategie di marketing che ci aiutino a trovare nuovi clienti. Grazie al nuovo bonus pubblicità, la parte relativa alla promozione sarà un po' più semplice, almeno dal punto di vista finanziario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus pubblicità 2018: cos’è, come funziona e chi ne può usufruire

ArezzoNotizie è in caricamento