I ragazzi del Blocco Studentesco portano regali ai bambini ricoverati in pediatria

Militanti aretini in visita al San Donato con le calze della Befana per i piccoli degenti: "Un gesto di vicinanza per chi ha dovuto passare il periodo di Natale in ospedale"

I militanti aretini del Blocco Studentesco si sono recati questa mattina all’ospedale San Donato di Arezzo per donare delle calze della befana ai bambini ricoverati durante le feste natalizie nel reparto di pediatria. Un piccolo gesto per provare a rallegrare la giornata dei giovani pazienti dell’ospedale.

“In occasione di queste feste natalizie – dichiara Aldo Mazzi, responsabile aretino del Blocco Studentesco – abbiamo voluto regalare ai nostri piccoli concittadini una calza della befana, un piccolo pensiero che rappresenta la nostra vicinanza verso quei bambini e le loro famiglie che sono stati costretti a passare le settimane delle feste natalizie in un reparto ospedaliero”. 

“Seppur si tratti solo di un piccolo regalo - prosegue Mazzi - l’accoglienza e i ringraziamenti sono stati calorosissimi da parte dei bambini e dei loro genitori. Basta davvero poco per donare un sorriso a chi da troppo non ha la possibilità di farlo, e ciò non fa altro che gratificarci e accrescere il senso civico che ognuno di noi dovrebbe avere”.

“Purtroppo non capita spesso – conclude Mazzi – che in un mondo come il nostro dei ragazzi dedichino anche solo un'ora del loro tempo per rallegrare la giornata dei più deboli. Riteniamo invece che sia molto importante riscoprire i valori di fratellanza e condivisione, e proprio per questo siamo stati felicissimi di portare avanti anche quest’anno la nostra tradizionale consegna delle calze, cominciata ormai diversi anni fa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Ghinelli a Firenze: "Proporrò la chiusura delle scuole"

  • Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

  • Le dieci regole d’oro contro il Coronavirus: il decalogo delle farmacie aretine

  • Sfida "spaccatesta": genitori in allarme. Il violento gioco di moda sui social

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento