rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità Centro Storico / Piazza della Libertà

Bilancio di previsione e linee programmatiche. Chiassai Martini: "La Provincia è un ente strategico"

"In questo momento storico, ogni sforzo sarà finalizzato a concretizzare, ancora di più, il rilancio della Provincia non potendo assolutamente mancare le opportunità che provengono dai fondi del pnrr"

Oggi 18 febbraio presso il Palazzo della Provincia di Arezzo si è svolto il consiglio provinciale, tra i punti all’ordine del giorno, il Documento Unico di Programmazione, il bilancio di previsione 2022-2024, il programma triennale dei lavori pubblici e l’istituzione della stazione unica appaltante.

Dal canto suo, la presidente Silvia Chiassai Martini, anche durante quest'ultima seduta, ha ribadito la ferma volontà di continuare a riportare l’attenzione sui territori, le vallate ed il capoluogo, attraverso l’attrazione dei finanziamenti necessari e alla riorganizzazione della struttura amministrativa funzionale alla messa in sicurezza di strade, scuole e ponti, a vantaggio delle comunità.

"Negli ultimi tre anni - spiega la presidente - sono state affrontate criticità enormi, causate dagli effetti della legge Delrio, che mirava alla chiusura delle Province attraverso un taglio drastico di risorse e un ridimensionamento di funzioni, per i quali l’ente ha dovuto fare i conti, soprattutto nel primi due anni di mandato, con risorse insufficienti a garantire perfino le manutenzioni ordinarie su tutto il patrimonio esistente, a danno dei territori, della sicurezza di cittadini e studenti. In questo particolare momento storico, ogni sforzo sarà finalizzato concretizzare, ancora di più, il rilancio della Provincia non potendo assolutamente mancare le opportunità che provengono dai fondi del pnrr. Per lo sviluppo della Toscana, saranno a disposizione 1,5 miliardi di euro, un’opportunità a cui dobbiamo necessariamente giungere preparati, continuando ad ottimizzare una macchina amministrativa che sarà chiamata a svolgere anche funzioni importanti di coordinamento e di stazione unica appaltante per gli altri Comuni. Tra i programmi che stiamo portando avanti c’è l’ambizioso obiettivo di risolvere un annoso problema di viabilità su Ponte Buriano, con la realizzazione di un ponte provvisorio e di un asse stradale alternativa che salvaguarderà in via definitiva il manufatto storico. L’importo complessivo è di € 2.100.000,00 a cui si aggiungono €1.300.000,00 di progettazione del nuovo ponte che ha già un vincitore con la consegna del progetto definitivo, grazie ad un concorso internazionale di idee. Passando invece agli interventi per le opere pubbliche, quelle relativall’edilizia ammontano a € 23.399.082 e quelle per le infrastrutture viarie sono pari ad € 23.767.984. L’obiettivo primario rimane quello di investire risorse economiche per garantire la sicurezza delle 90 strade provinciali per 1026 km e le 4 stradre regionali per oltre 147 Km garantire la funzionalità l’adeguamento normativo dei 61 immobili, sedi di scuole di secondo grado, soprattutto di quei complessi edilizi, che si trovano in zone di maggior rischio sismico o che necessitano di opere di efficientamento energetico. Inoltre oggi è stata istituita la Stazione Unica Appaltante, la Provincia di Arezzo diventa quindi punto di riferimento per i Comuni del territorio per le opere del pnrr. Un ente sempre più a servizio dei Comuni, anche per le importanti sfide che coinvolgono le realtà territoriali in questo particolare momento storico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio di previsione e linee programmatiche. Chiassai Martini: "La Provincia è un ente strategico"

ArezzoNotizie è in caricamento