Finanziamento da 10mila euro per la Biblioteca di Castiglion Fiorentino

Al suo interno un patrimonio librario pari a 58273 volumi, di cui 21000 riferibili alla collezione antica e la restante parte alla sezione moderna

Il Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo ha emanato in data 4 Giugno 2020 provvedimenti che hanno introdotto risorse straordinarie per l’acquisto di libri da parte delle biblioteche dello stato, delle Regioni, degli enti locali e degli istituti culturali. Un modo efficace per sostenere direttamente e indirettamente tutta la filiera del libro in difficoltà, dalle biblioteche, alle librerie, agli editori, ai distributori, agli autori.  Il D.D.G n. 561 del 20.08.2020 reca l’approvazione dell’elenco dei beneficiari nella misura prevista dal decreto n. 267.

La Biblioteca di Castiglion Fiorentino ha ottenuto un finanziamento di 10000 euro, dichiarando un patrimonio librario pari a 58273 volumi, di cui 21000 riferibili alla collezione antica e la restante parte alla sezione moderna. Alle unità librarie si aggiungono quasi 3000 manifesti e carte storiche, la raccolta di tesi di laurea inerenti il nostro territorio e un’importante fototeca, per un totale di più di 70000 documenti circa.  I

l dettaglio della collezione è raccolto e descritto nella “Carta delle Collezioni” di recente redazione, mentre è in corso di catalogazione l’ultimo prestigioso fondo moderno acquisito, una raccolta di 7000 volumi circa di arte e storia.  La decisione dell’Amministrazione comunale è quella di acquistare nuovi libri presso librerie del territorio comunale e provinciale e di destinare parte delle risorse finanziarie ad un progetto rivolto alle classi dell’Istituto Comprensivo “Città di Castiglion Fiorentino”, agevolando così le famiglie tramite l’acquisizione per tutti gli studenti di testi di narrativa scelti dagli insegnanti, nella convinzione che la Biblioteca e la scuola debbano mantenere un dialogo e una collaborazione costante, pur nelle proprie specificità e differenze.

“Si tratta di un ulteriore tassello che si aggiunge ai progetti e alle iniziative messe in campo in questi anni e che hanno riguardato i libri come ‘La Città che Legge’ o come i vari totem che sono stati posizionati nei luoghi di aggregazione. Il libro diventa un ottimo strumento educativo per i bambini ma è anche un prezioso veicolo per uscire dall’isolamento sociale ed emotivo” dichiara l’assessore alla Cultura, Massimiliano Lachi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Arrivati i nuovi vaccini Covid: ecco chi può accedere e come prenotarsi. Arezzo al top per somministrazioni

  • "Pettorina finta e Glock in mano, così ho capito che non erano carabinieri". Il vocale che svela i trucchi della banda dell'Audi bianca

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento