Attualità

Benefattori della Fraternita dei Laici: restaurata la tomba del Conte Occhini

Il Magistrato e il Primo Rettore della Fraternita dei Laici, Pier Luigi Rossi, hanno deliberato di onorare i Benefattori di Fraternita che hanno lasciato in eredità loro ingenti proprietà. Il Conte Giovan Battista Occhini ha lasciato 346 ettari di...

occhiin-fraternita

Il Magistrato e il Primo Rettore della Fraternita dei Laici, Pier Luigi Rossi, hanno deliberato di onorare i Benefattori di Fraternita che hanno lasciato in eredità loro ingenti proprietà. Il Conte Giovan Battista Occhini ha lasciato 346 ettari di terreni, una villa, una fattoria a Castiglion Fibocchi, libri e quadri. Il Conte Occhini era un personaggio dotato di doti musicali, letterarie ed apparteneva alla famiglia legata ad Arezzo per aver dato al governo della città Pier Ludovico Occhini, Podestà di Arezzo che negli anni '30, trasformò la città, la Piazza Grande, volle la Giostra del Saracino. Il Conte Occhini deceduto il 14 Gennaio 1964, fu sepolto nel cimitero di Castiglion Fibocchi. In riconoscenza della generosità del Conte Occhini, la Fraternita ha restaurato la sua cappella-tomba, benedetta dall'Arciprete Don Adriano Ralli, alla presenza del Primo Rettore e della cittadinanza di Castiglion Fibocchi. Mai dimenticare i benefattori di Fraternita, questa è la linea del Magistrato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benefattori della Fraternita dei Laici: restaurata la tomba del Conte Occhini

ArezzoNotizie è in caricamento