"Basta compiti!", Maurizio Parodi incontra la città di Arezzo

Una giornata di riflessione e di approfondimento sulla scuola insieme ad uno dei suoi personaggi più in vista. Sabato 5 novembre, il dirigente scolastico e pedagogo Maurizio Parodi farà tappa per la prima volta ad Arezzo come relatore...

Per Talea - Incontri Casa Dritta (2)

Una giornata di riflessione e di approfondimento sulla scuola insieme ad uno dei suoi personaggi più in vista. Sabato 5 novembre, il dirigente scolastico e pedagogo Maurizio Parodi farà tappa per la prima volta ad Arezzo come relatore dell'incontro "Disintegrazione scolastica. Come fronteggiarla?", organizzato dall'associazione Per Talea Onlus che riunisce i genitori adottivi e affidatari aretini. L'appuntamento, gratuito e aperto a tutta la cittadinanza, si terrà dalle 16.00 alle 19.00 alla Casa Dritta di via Garibaldi 15.

L'incontro affronterà varie tematiche inerenti alla didattica e alla pedagogia, partendo dalle tesi racchiuse nel libro "Basta compiti!" di Parodi e dall'omonima petizione che, lanciata su change.org, ha già superato la quota di ventimila firmatari. Questa campagna indaga sul senso e sull'utilità dei compiti a casa, spiegando come questi siano uno strumento che non aiuta l'apprendimento ma che, al contrario, lo intralcia con conseguenze negative: tali teorie hanno ormai raggiunto rilevanza nazionale e sono diventate un pretesto per verificare il sistema scolastico, analizzandolo dalla parte dei bisogni e della crescita degli alunni.

«La nostra associazione si è voluta interrogare sul mondo della scuola - spiega Luca Raffaelli di Per Talea Onlus, - e su come migliorarne la didattica per renderla veramente funzionale e adeguata alle esigenze degli alunni. Il seminario parte da una critica alla disintegrazione scolastica, cioè i processi che impediscono la reale integrazione degli studenti, e si propone di progettare strategie innovative per fronteggiarla rendendo la scuola veramente per tutti».

Nel corso del pomeriggio, Parodi illustrerà i motivi per cui interrompere la pratica dei compiti nella scuola dell'obbligo, spiegando le sue teorie attraverso fondamenti didattici, familiari e formativi. Questa opposizione viene poi orientata in senso costruttivo verso un cambiamento della didattica, con i docenti che non dovrebbero limitarsi a spiegare e a delegare lo studio a casa, ma che dovrebbero farsi promotori di nuove metodologie che favoriscano le capacità di apprendimento di ogni singolo alunno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Siamo consapevoli che le teorie di Parodi potranno dividere e far discutere - spiega Nicoletta Caprara, vicepresidente di Per Talea Onlus, - ma la nostra intenzione è di interrogarci su una didattica che metta al centro l'alunno e che sia realmente utile per la sua crescita, dunque invitiamo a questo incontro tutti coloro che sono impegnati in ambito educativo, dai genitori ai docenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento