Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'associazione Bangladesh lascia il progetto di accoglienza dei rifugiati: "Il decreto Salvini toglie la dignità alle persone"

115 richiedenti asilo sono stati accolti dall'associazione Bangladesh di Arezzo nel corso degli anni di attività

 

Dopo anni di lavoro l'associazione Bangladesh lascia il progetto di accoglienza, non parteciperà più ai bandi per i rifugiati.

L'associazione presieduta da Tito Anisuzzam, ha preso questa decisione e proprio questa settimana termina il suo impegno. I 16 profughi attualmente accolti, sono in piccola parte in uscita dal progetto, gli altri vengono accompaganti presso altre strutture, gestite da associazioni che hanno deciso di continuare, nonostante tutto.

"Questo decreto toglie la dignità alle persone, non possiamo continuare a farne parte - spiega Tito - Non ci sarà più l'insegnamento dell'italiano ad esempio, il primo elemento utile e determinante per stabilire dialogo e lavorare per l'integrazione meno problematica possibile in Italia, ma, cosa ancora più grave è che non saranno garantite nemmeno le medicine."

Di tutto questo, in maniera più dettagliata si parlerà nell'evento organizzato al Cas del Pionta per venerdì a partire dalle 19:00. Un modo per celebrare la giornata mondiale del rifugiato indetta dall'Onu per il 20 giugno e che adesso assume significati ancora più netti.

115 richiedenti asilo sono stati accolti dall'associazione Bangladesh di Arezzo nel corso degli anni di attività, ma adesso con il decreto Salvini e con le conseguenze, appesantite dal più recente decreto sicurezza, non porteciperà più ai bandi della Prefettura. E probabilmente non sarà l'unica realtà a reagire così, provocando tutta una serie di perdite di posti di lavoro che già si iniziano a vedere anche nel territorio aretino.

Nel corso dell'evento sarà proiettato un video sulle attività svolte dagli operatori dell'associazione Bangladesh ad Arezzo, saranno raccontati numeri e traguardi raggiunti, spiegando, quindi, le conseguenze del decreto Salvini. 

Durante la serata ci sarà una raccolta fondi finalizzata all'acquisto di medicinali per i profughi.

"Sono felice di farlo all'interno del Pionta, perché anche noi vogliamo contribuire alla rinascita attraverso il Comitato" ha detto infine Tito.

Il convegno e il giorno di festa con Arezzo Factory

Potrebbe Interessarti

  • Violenta grandinata: lucernari rotti e lunotti spaccati. Mele, pesche e cocomeri: massacro in campagna

  • Scivola, resta impigliata con la mano nella rete e si amputa un dito

  • Perde il controllo dell'auto e scivola giù nel torrente Castro: illeso l'autista

  • Schiaffi e minacce all'asilo nido. Bambini colpiti dalla maestra: le immagini shock

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento