rotate-mobile
Attualità

Al via un bando per favorire l’inclusione sociale dei detenuti

I progetti che dovranno essere presentati in risposta al bando dovranno prevedere due tipologie di servizi: uno sportello per le tutele sociali, e un servizio ponte di collegamento con i servizi pubblici territoriali

Favorire l’accesso dei detenuti ai diritti e alle tutele sociali, e supportarli nel percorso di re-inserimento nella società. E’ questo il duplice obiettivo del bando pubblicato dalla Regione Toscana e per il quale potranno presentare progetti le imprese e le cooperative sociali e i soggetti pubblici e privati che operano nel recupero socio-lavorativo di soggetti svantaggiati.
L’intervento, da 1 milione di euro complessivi, è destinato a favorire l’inclusione sociale delle persone detenute in tutte le zone della Toscana in cui sono presenti istituti penitenziari.

“Il rapporto con la società esterna – spiega l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli - è sempre molto delicato per le persone detenute: rafforzare questo legame, garantendo al detenuto tutte le tutele sociali di cui ha diritto è un fattore molto importante per favorire il suo graduale ed effettivo reinserimento. Perché un detenuto possa tornare a essere parte integrante di una società, infatti, serve che si attivi una rete di sostegni e di collaborazioni all'interno e soprattutto all’esterno del carcere, anche per coloro che si trovano a fine pena affinché possano essere presi in carico in continuità da parte dei servizi territoriali".

Con questo bando, in scadenza il prossimo 19 aprile, la Regione Toscana intende dare continuità alle azioni di inclusione sociale rivolte alle persone detenute ed ex-detenute già avviate con il finanziamento di precedenti progetti a valere sul POR FSE 2014–2020 e favorirne l'estensione sul territorio regionale.

I progetti che dovranno essere presentati in risposta al bando dovranno prevedere due tipologie di servizi: uno sportello per le tutele sociali, e un servizio ponte di collegamento con i servizi pubblici territoriali. Lo sportello dovrà essere finalizzato alla preparazione delle pratiche necessarie per l’accesso a tutti i benefici sociali di cui le persone detenute hanno diritto: si va dai documenti per l’accesso ai servizi socio-sanitari alle pratiche per la pensione sino alle problematiche relative al permesso di soggiorno e all’accesso al lavoro.
Il servizio -ponte dovrà invece diventare un punto di riferimento per i detenuti che stanno concludendo il periodo penale per favorire il reinserimento sociale. L’operatore di questo servizio potrà aiutare il detenuto o l’ex detenuto in tante necessità: per esempio supportarlo nelle problematiche legali o agevolarne il collegamento con i servizi per l’impiego, e comunque assisterlo nelle necessità connesse al reinserimento.

Il bando “Servizi di inclusione sociale per persone detenute” sarà al centro di un webinar in programma martedì 29 marzo. Un appuntamento prezioso per tutti coloro che sono interessati a partecipare al bando. A questo appuntamento (inizio ore 14.30), parteciperanno oltre all’assessora Spinelli, Pierpaolo D’Andria, Provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria per la Toscane l’Umbria, Simone Gheri, direttore di Anci Toscana e Giuseppe Fanfani, Garante regionale dei diritti dei detenuti. Il bando regionale sarà illustrato da Alessandro Salvi e Lucia Bani del settore Welfare e Innovazione sociale della Regione Toscana.
Per registrarsi e ricevere il link di collegamento occorrerà scrivere a: segreteria.spinelli@regione.regione.toscana.it
Il testo del bando può essere visionato a questo link.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via un bando per favorire l’inclusione sociale dei detenuti

ArezzoNotizie è in caricamento