menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
autismo

autismo

Autismo, ne soffre un bimbo su 150. La realtà aretina e il nuovo centro per le famiglie al Colle del Pionta

Un bambino su 120/150 ha un disturbo dello spettro autistico. Questo vuol dire che un bimbo su 120/150 ha abilità differenti. Speciali. Ma i dati, non possono essere letti come un assoluto perché ci sono molti giovani adulti e dei bimbi che non...

Un bambino su 120/150 ha un disturbo dello spettro autistico. Questo vuol dire che un bimbo su 120/150 ha abilità differenti. Speciali. Ma i dati, non possono essere letti come un assoluto perché ci sono molti giovani adulti e dei bimbi che non sono ancora stati diagnosticati.

La fotografia del territorio aretino è quella fornita dalla direttrice sanitaria della Asl Toscana Sud Est Simona Dei. Lei, insieme al Comune di Arezzo e alle famiglie di bambini con lo spettro autistico, si è messa al lavoro per la creazione di un centro dove possa essere fatta ricerca e dove le famiglie potranno rivolgersi per ricevere supporto e aiuto concreto.

Sarà all'interno dell'area Colle del Pionta che ad Arezzo sorgerà il nuovo centro dedicato all'autismo. La costituzione di questa struttura è già stata definita. La Asl e il Comune avranno il compito di sostenere le spese di realizzazione mentre le famiglie, come già adesso avviene, saranno protagoniste assolute per quello che riguarda il percorso di tutte quelle attività che saranno realizzare al suo interno.

"Sarà un luogo - spiega la dottoressa Dei - dove verranno fornite cure. Dove verrà fatta ricerca e dove cercheremo di formare i tanti soggetti, educatori, genitori ed insegnanti, che hanno a che fare con persone, adolescenti e bambini con spettro autistico".

Diagnosi precoce e appoggio alla ricerca medica sono gli obiettivi verso i quali è indirizzato l'operato di tutti gli addetti ai lavori.

"Le persone autistiche - spiega Andrea Laurenzi, presidente dell'associazione Autismo Arezzo - hanno abilità differenti. Ma sono come noi. Sono felici, tristi, si arrabbiano. Possono lavorare, possono partecipare alla vita sociale come chiunque altro. Solo devono farlo con percorsi diversi e personali. Dobbiamo cercare il modo di sensibilizzare la popolazione su questo aspetto quanto più possibile. Dal canto nostro l'impegno è sempre massimo. Ed è proprio per queste ragioni che anche il programma della X Giornata Mondiale di consapevolezza sull'autismo, ad Arezzo, avrà un ricco programma dedicato proprio alla conoscenza di questa realtà. Ad oggi fanno parte della nostra associazione oltre 100 famiglie. Il problema delle persone con sindrome dello spettro autistico è di attualità e coinvolge oltre 500.000 famiglie in Italia e centinaia di bambini e adulti nel territorio che necessitano di servizi e terapie in maniera continuativa e professionale".

Una sindrome ancora troppo poco conosciuta e sulla quale molto è ancora da approfondire.

"Vorrei ricordare - conclude la dottoressa Dei - che l'autismo non è collegato alle vaccinazioni. A dirlo sono i riscontri scientifici e giudiziari. Non c'è alcun collegamento tra le due cose. E' una falsa credenza che non fa altro che accrescere confusione e disinformazione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

  • Calcio

    Arezzo-Matelica. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento