rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

Informazione e assistenza sulle novità pensionistiche dal Patronato Acli

Gli operatori aclisti sono a disposizione dei cittadini per illustrare le misure previste dalla Legge di Bilancio 2022. Le tre novità sono l’introduzione di Quota 102, il rifinanziamento di Opzione Donna e la proroga di Ape Sociale

Un servizio di informazione e di assistenza verso le novità pensionistiche. A fornirlo è il Patronato Acli di Arezzo che porrà le proprie competenze a disposizione dei cittadini per illustrare le nuove misure previste dalla Legge di Bilancio 2022 per l’uscita dal lavoro che fanno riferimento all’introduzione di Quota 102, al rifinanziamento di Opzione Donna e alla proroga di Ape Sociale. Queste possibilità prevedono specifici requisiti e modalità di accesso, dunque gli operatori aclisti saranno a disposizione per la valutazione dei singoli casi e per l’eventuale presentazione delle domande, offrendo così un utile supporto per questa delicata fase della vita professionale.

La principale novità prevista dalla Legge di Bilancio è la pensione anticipata con Quota 102 che prevede i requisiti minimi di 64 anni di età e di 38 anni di contributi da raggiungere entro il 31 dicembre 2022, con una formula vantaggiosa rivolta a lavoratori autonomi o dipendenti pubblici e privati.

Un’opportunità rivolta alle lavoratrici è l’Opzione Donna che fa riferimento al pensionamento per coloro che, al 31 dicembre 2021, hanno raggiunto 35 anni di contributi e 58 anni di età per chi è dipendente o 59 anni di età per chi è autonoma, con lo svantaggio di dover accettare un calcolo penalizzante dell’assegno perché basato sul modello contributivo.

L’ultimo provvedimento fa riferimento alla proroga dell’Ape Sociale che rappresenta una misura ponte verso il vero e proprio pensionamento rivolta a determinate categorie di lavoratori che, al prossimo 31 dicembre, siano arrivati a 63 anni di età, a 30 anni di contributi e che siano in possesso di uno dei seguenti requisiti: lo stato di disoccupazione, l’impiego in un lavoro gravoso, l’accudimento da sei mesi di un familiare in linea diretta o di un convivente portare di handicap, o l’invalidità pari o superiore al 74%.

Per ulteriori informazioni e per fissare un appuntamento è possibile contattare lo 0575/21.700, inviare una mail a servizionline.arezzo@patronato.acli.it o recarsi ad uno sportello del Patronato Acli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Informazione e assistenza sulle novità pensionistiche dal Patronato Acli

ArezzoNotizie è in caricamento