Asl, ecco l’Area Omogenea di Medicina Interna: il dottor Luigi Abate è il nuovo responsabile

E’ stata istituita da pochi giorni l’Area Omogenea di Medicina Interna della Asl Toscana sud est di cui il dottor Luigi Abate è il nuovo responsabile. 
Questa Area fa parte del Dipartimento di Medicina interna e Specialistiche, diretta dal dottor Massimo Alessandri e rappresenta un importante traguardo per l’organizzazione dell’Azienda perché assume il ruolo di struttura di riferimento per le 13 Unità di Medicina presenti tra Siena, Arezzo e Grosseto.
Le Aree omogenee infatti sono un elemento recente della riorganizzazione aziendale, pensate con la funzione di aggregare le strutture della stessa disciplina specialistica, garantendone il coordinamento tecnico e professionale, con l’obiettivo di supportare la formazione, l’aggiornamento, la ricerca e i protocolli delle sperimentazioni cliniche; di favorire lo scambio delle competenze tra professionisti; di rendere omogenei i percorsi clinici e terapeutici.

“L’Area omogenea di Medicina Interna - dichiara Abate - avrà la funzione di coordinare, con gli Internisti dei vari reparti, la stesura di percorsi clinici omogenei che andranno sviluppati in sintonia con gli obiettivi strategici dell’Azienda e le linee di indirizzo del Dipartimento”.

Abate, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia,  ha conseguito due specializzazioni, in Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva e poi in Cardiologia. Ha portato avanti il suo percorso professionale sempre nell’ambito della Medicina Interna, lavorando prima come assistente a Sarteano e Chianciano. Ha collaborato nelle attività del Pronto Soccorso, contribuendo a gettare le basi di una visione più moderna dell’Emergenza/Urgenza in cui l’Internista rappresenta il vero fulcro per un qualificato inquadramento e ottimale risposta in tutte le patologie, in particolar modo per quelle tempo-dipendenti. Dal 2015 è direttore della Medicina Interna di Nottola. Insieme al gruppo di lavoro dei professionisti di area, ha contribuito alla realizzazione del “Protocollo per la istituzione della rete dipartimentale dei Centri TAO nelle UOC Medicina Interna”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


“La Medicina interna è una specialistica che più delle altre ha a che fare con un ampio e complesso ventaglio di problematiche cliniche - commenta il dottor Alessandri - Pertanto istituire  un'Area Omogenea con il compito di offrire ai medici internisti un ambito comune, dove potersi confrontare, progettare e condividere percorsi diagnostici, terapeutici e assistenziali, ci è sembrato irrinunciabile. Faccio pertanto a Luigi Abate, neo-coordinatore dell'Area, i migliori auguri per questo importante incarico, che affronterà con le capacità e l'impegno che gli sono propri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento