Attualità

Asili nido, iscritti quasi il 30 per cento dei piccoli sotto i 2 anni. Arezzo raddoppia la media nazionale

La prima campanella dell'anno è già suonata per i più piccolini. I bimbi che frequentano l'asilo nido lunedì scorso hanno varcato per la prima volta in questo nuovo anno scolastico, la soglia delle strutture aretine. L'ultimo bacio a mamma e babbo...

asilo nido

La prima campanella dell'anno è già suonata per i più piccolini. I bimbi che frequentano l'asilo nido lunedì scorso hanno varcato per la prima volta in questo nuovo anno scolastico, la soglia delle strutture aretine. L'ultimo bacio a mamma e babbo e poi via, pronti a tuffarsi in mattinate di giochi e attività didattiche, alla scoperta del mondo.

Ad Arezzo circa il 30 per cento dei bimbi tra i 0 e i 2 anni è iscritto ad un asilo nido. Il dato è stato pubblicato, su fonte Istat, da Sole 24 Ore. I numeri sono riferiti al 2015, ma mostrano chiaramente il servizio offerto nel territorio e quante famiglie ne possono usufruire. Si scopre così che, a quella data, ben il 29,29 per cento dei bimbi tra i 0 e i 2 anni nel territorio comunale erano iscritti al nido: in valori assoluti si parla di 664 bambini su 2267. Se si pensa chela media nazionale è dell'11,78 per cento, balza agli occhi che nel territorio comunale il dato era quasi triplicato. Naturalmente non è così per tutti i comuni della Provincia.




Ci sono infatti piccoli comuni come Sestino, Badia Tedalda, Montemignaio, Monterchi, Caprese Michelangelo, Laterina Pergine e Castiglion Fibocchi, nei quali nel 2015 non risultavano bimbi iscritti al nido. Cosa significa? Probabilmente che il numero di bebé era esiguo e che nei comuni non era attivo il servizio. Alcune famiglie possono aver optato per asili di comuni attigui o hanno dovuto affidarsi a soluzioni alternative, come baby sitter o nonni.

I più virtuosi

Il comune più virtuoso in provincia, però, non è il capoluogo ma Terranuova Bracciolini, con una percentuale di bimbi affidati a questo servizio pari al 34,88, ovvero 98 piccoli su 281. Sempre in Valdarno, a San Giovanni la percentuale è del 25,35, in Casentino, Bibbiena si assesta al 28, 17. In Valdichiana la spunta Civitella con il 25,94, in Valtiberina Anghiari con il 23,53.

La media regionale è pari al 20,88 per cento, un dato che fa della Toscana la regione più virtuosa dopo Emilia Romagna (23,75) e Valle d'Aosta (22,31). Fanalini di coda invece la Campania (2,55) e la Calabria (solo l'1,8 per cento).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili nido, iscritti quasi il 30 per cento dei piccoli sotto i 2 anni. Arezzo raddoppia la media nazionale

ArezzoNotizie è in caricamento