Lunedì, 14 Giugno 2021
Attualità

Restauri e opere pubbliche. La Provincia chiama a raccolta aspiranti mecenati: "Così il nuovo regolamento"

Sulla falsariga dell'Art Bonus, anche l'ente di piazza della Libertà si dota di uno strumento per coinvolgere privati cittadini interessati ad erogazioni liberali

I soggetti privati, da oggi, potranno contribuire alla realizzazione di opere di interesse pubblico fornendo supporto economico alla Provincia di Arezzo. La novità è stata annunciata direttamente dalla presidente dell'ente di piazza della Libertà, Silvia Chiassai Martini in seguito all'approvazione, avvenuta questa mattina in consiglio provinciale, del regolamento per la disciplina delle attività di sponsorizzazione di iniziative ed attività legate proprio all'amministrazione provinciale.

Di fatto, imprendori o cittadini potranno contribuire con fondi propri alla realizzazione di interventi di restauro, opere pubbliche, scuole, manutenzione aree verdi.

"E’ un passaggio importante - ha sottolineato la presidente Chiassai Martini - di grande apertura, che permetterà una vera collaborazione da parte del privato nell’ambito degli investimenti di natura pubblica".

Una disposizione che ricalca lo stile del modello adottato, a livello nazionale, dall'Art Bonus, dispositivo attraverso il quale, dal 2014 circa, sono state previste delle "disposizioni per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo", e attraverso il quale è stato introdotto un credito d'imposta per le erogazioni liberali in denaro a sostegno della cultura e dello spettacolo quale sostegno del mecenatismo a favore del patrimonio culturale.

Insomma una sorta di mecenatismo che prevede importanti benefici fiscali sotto forma di credito d'imposta per coloro che effettuano erogazioni. Uno strumento prezioso visto che, ad esempio, ha consentito il finanziamento del restauro del Colosseo e che viene applicato anche su realtà di pregio in tutto il Paese (qui tutte le info).

Da oggi un meccanismo simile, stando alle parole della presidente Chiassai, sarà adottato anche per il territorio aretino e i progetti beneficiari potranno comprendere vari ambiti.

L'approvazione del regolamento per la disciplina delle attività di sponsorizzazione trova spunto da "una necessità per poter garantire servizi, realizzare opere, collaborando con tutto il mondo del privato e garantire così al nostro ente di trovare risorse esterne - ha sottolineano la presidente Chiassai -Questo regolamento, che per la prima volta viene approvato ed introdotto nella macchina dell'amministrazione provinciale, è una grande opportunità per contribuire fattivamente al bene della nostra comunità. Numerose sono le fattispecie di contratto che i partner privati potranno scegliere ed in cambio del loro aiuto avranno importanti sgravi fiscali ed un riconoscimento promozionale in termini di visibilità e immagine. Ormai da anni, a livello nazionale, sono molti i privati che hanno scelto di aiutare il nostro paese, dal restauro del Colosseo, alla costruzione di scuole, ad interventi più contenuti comunque utili come la manutenzione di aree verdi e rotatorie. Ci auguriamo che ci sia una particolare sensibilità da parte di coloro che hanno la possibilità di dare un aiuto concreto al nostro territorio. Per ogni maggiore dettaglio contattare il servizio affari generali della Provincia".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restauri e opere pubbliche. La Provincia chiama a raccolta aspiranti mecenati: "Così il nuovo regolamento"

ArezzoNotizie è in caricamento