Arriva l'automedica anche in Valdichiana

Da domani, martedì 3 aprile, l’automedica sarà attiva anche in Valdichiana. "La vallata - spiegano dalla Asl Toscana Sud Est - si uniforma dunque alle altre della provincia di Arezzo, con il funzionamento di un servizio fondamentale per il...

automedica-2

Da domani, martedì 3 aprile, l’automedica sarà attiva anche in Valdichiana. "La vallata - spiegano dalla Asl Toscana Sud Est - si uniforma dunque alle altre della provincia di Arezzo, con il funzionamento di un servizio fondamentale per il cittadino, che nasce dall’integrazione tra ambulanze e automedica per garantire la copertura medica di tutto il territorio nelle 24 ore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Con l’arrivo dell’automedica in Valdichiana il soccorso diventa più veloce.

Infatti, non trasportando il paziente, questo mezzo è in grado di arrivare velocemente sul posto, trattare il paziente e inviarlo con l’ambulanza o con il Pegaso nel Centro più idoneo, per poter andare subito in un altro intervento. Se si registrano due codici rossi in contemporanea, il personale dell’automedica si può dividere: l’infermiere rimane nel primo incidente e il medico si sposta nel secondo. Il personale infermieristico infatti è adeguatamente formato per rispondere a queste situazioni. Le auto mediche, per garantire i due interventi in contemporanea, sono equipaggiate con doppi zaini di soccorso. L'Emergenza territoriale della Valdichiana sarà quindi costituita da una rete di soccorso che comprende ambulanze BLSD (ovvero con defibrillatore a bordo e soccorritori avanzati), l’ambulanza infermierizzata (con a bordo l’infermiere), l’automedica (composta da infermiere e medico) e l’elisoccorso, che ha un suo equipaggio sanitario. Questi mezzi si integrano tra di loro: in caso di bisogno, la BLSD è supportata dall'ambulanza infermierizzata, l'infermierizzata dall'automedica, l'automedica dall'elisoccorso. L’automedica stazionerà all’ospedale della Fratta, permettendo al personale di turno, quando non impegnato nell’emergenza territoriale, di supportare il Pronto soccorso. Per il momento l’automedica è prevista nelle 12 ore diurne, ma l’Azienda sta formando il personale infermieristico anche per le 12 ore notturne. Inoltre, anche in Valdichiana sono stati censiti 10 siti per l’atterraggio di notte del Pegaso con i visori notturni. Viene attivato nei casi più gravi e garantisce brevi tempi di intervento sia di notte che di giorno. La nuova riorganizzazione dell’Emergenza territoriale in Valdichiana ricalca quelle già presenti nelle altre Zone: Aretina, Valdarno, Valtiberina e Casentino dove, negli anni, si è evidenziato un miglioramento della risposta complessiva ai bisogni del paziente in emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento