Arezzo in preghiera per la Madonna del Conforto. Al via il Sinodo diocesano

Arezzo si stringe in cattedrale per celebrare la Madonna del Conforto. In tantissimi, come sempre, si stanno recando in duomo, per renderle omaggio. Una giornata intensa, con gli aretini raccolti in preghiera nella cappella dedicata alla Vergine...

madonna conforto86

Arezzo si stringe in cattedrale per celebrare la Madonna del Conforto. In tantissimi, come sempre, si stanno recando in duomo, per renderle omaggio.

Una giornata intensa, con gli aretini raccolti in preghiera nella cappella dedicata alla Vergine in concomitanza con l’apertura del Sinodo diocesano con l’ex vescovo di Arezzo Gualtiero Bassetti.

Intanto la giornata viene scandita dai momenti di riflessione e preghiera. Alle 17 saranno celebrati i secondi Vespri con la comunità monastica di Camaldoli, alle 18 si svolgerà la Messa presieduta dall’arcivescovo Riccardo Fontana, con il mandato ai ministri straordinari della comunione.

Alle 21.30 l’Omaggio alla Madonna del Conforto dei Quartieri della Giostra del Saracino, degli Sbandieratori e dei Musici. Come avviene da più di due secoli, la giornata del 15 febbraio sarà contrassegnata da un infinito pellegrinaggio davanti all’immagine della Vergine. Secondo la tradizione, le Sante Messe saranno celebrate anche alle 7, 8, 9, 12, 16, 20.30, 22.15, 23.15 per favorire la partecipazione di tutto il popolo. La storia del miracolo della Madonna del Conforto

Era 15 febbraio 1796, la città era in balia di violente scosse di terremoto, quando si compì il miracolo. Quattro persone, tre uomini e una donna, videro il volto annerito di un’immagine di terracotta raffigurante la Madonna di Provenzano – appesa nella cantina di un ospizio camaldolese presso Porta San Clemente – illuminarsi. Il vescovo del tempo, Niccolò Marcacci, si dimostrò prudente, si fece promotore di un’inchiesta sui fatti e le sue conclusioni furono che non si poteva negare “la miracolosa mutazione di questa Madonna di oscura e quasi nera in bianca, risplendente e bella”. Da allora l’immagine miracolosa è stata oggetto di venerazione.

Dopo la caduta di Napoleone, l’immagine della Madonna del Conforto incoronata il 15 agosto 1814 dal vescovo Agostino Albergotti. Nel 1896 fu celebrato il primo Centenario del miracolo. Le dopoguerra l’immagine fu portata in tutte le parrocchie della diocesi, con commoventi manifestazioni popolari, accompagnata personalmente dal vescovo Emanuele Mignone, ultraottantenne.

Negli anni Novanta, in occasione del 2° Centenario, si è svolta nuovamente la peregrinatio Mariae nelle parrocchie più popolose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Memorabile è stata la visita del beato Giovanni Paolo II, il 23 maggio 1993, domenica dell’Ascensione. In quella occasione il papa ha affidato la nuova diocesi di Arezzo-Cortona-Sansepolcro alla protezione della Madonna del Conforto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Malore a scuola: docente trasferita a Siena in codice rosso

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento