Ad Arezzo torna “Italia legno energia” la prima fiera in presenza del settore

Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti: "È il momento opportuno per progettare la fiera del domani, ripensando gli spazi, le modalità di business, le abitudini e la sicurezza"

La filiera del riscaldamento a biomassa è in fermento: attività in ripartenza per la prima ondata di freddo e preparativi in corso per il primo evento in presenza dopo il lockdown. La stagione termica è iniziata, e il mercato è pronto a toccare con mano le novità del settore a Italia Legno Energia, la fiera promossa da Piemmeti che si svolgerà ad Arezzo dal 25 al 27 marzo 2021. Stufe, caminetti, caldaie e cucine a legna e pellet: sono oltre 180 gli espositori previsti, pronti a darsi appuntamento con i rivenditori, gli installatori e i progettisti di tutta Italia, 18 mila la scorsa edizione. Massima sicurezza, grazie all’adozione di un rigoroso protocollo anti-Covid in grado di proteggere espositori, visitatori e operatori: ambienti completamente sanificati e procedure standardizzate che garantiranno il distanziamento sociale, controlli della temperatura corporea all’entrata e dispenser di disinfettante in numerosi punti della fiera.

raul-barbieri-2"Italia Legno Energia sarà il momento in cui presentare nuovi prodotti e nuove tecnologie, e riprendere il contatto con la forza vendita – dichiara Raul Barbieri, direttore generale di Piemmeti -. Sono già iscritti tutti i grandi marchi del settore: fatto che dimostra fiducia in Piemmeti, ma anche tanta voglia di rivedersi dal vivo. Il 2020 è stato sicuramente un anno di grande incertezza, soprattutto per il settore fieristico che, perdendo la connotazione fisica, perde purtroppo gran parte del suo valore. Ma nonostante tutto siamo riusciti a trovare un lato positivo: questo è infatti il momento perfetto per progettare la fiera del domani, ripensando gli spazi, le modalità di business, le abitudini e la sicurezza".

Le novità del settore

Con il blocco imposto dal Coronavirus, come tantissimi settori in Italia e nel mondo anche quello del riscaldamento a biomassa ha dovuto affrontare un periodo critico. La stagione termica è appena iniziata, e servono ora più che mai occasioni di comunicazione, in cui incontrarsi, presentare i nuovi prodotti e toccare con mano le ultime innovazioni, per rendere vivo il mercato e continuare a crescere. E i progetti di ripartenza non mancano. Il primo è promosso da AIEL, che con il sostegno di Piemmeti lancia “Rottamare ed Educare”, il nuovo piano di rottamazione dei vecchi prodotti, pronti per essere sostituiti con modelli di ultimissima generazione. Acquisti, questi, che vengono incentivati dall’utilizzo del conto termico, lo strumento più efficace per dare slancio a questo mercato. 

Piemmeti inoltre ha messo in campo i suoi strumenti di comunicazione, come il nuovo portale online di PF Magazine, l’unica rivista dedicata a stufe e caminetti, che parla del settore 365 giorni l’anno, e l’edizione speciale del magazine in francese, che porta le aziende del comparto fuori dai confini italiani, strumento molto importante soprattutto in un periodo come questo, in cui accompagnare i propri prodotti all’estero continua ad essere problematico. Ultima ma non meno importante la “galleria prodotti”, la più completa rassegna di prodotti funzionanti a legna e pellet, una vetrina di esposizione (visibile al sito www.progettofuoco.com) per parlare direttamente al mercato, con la possibilità di ricercare i prodotti in base a prestazioni, consumi, classi energetiche e molto altro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento