Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

Apre lo sportello di ascolto “Dopo di noi”

Avrà sede a San Giovanni ma sarà un servizio dedicato a tutte le famiglie di persone con disabilità nell’intero territorio del Vadarno

Domani, martedì 9 marzo, aprirà lo sportello di ascolto del progetto zonale del Valdarno “Dopo di noi”, gestito dalla Fondazione Riconoscersi Onlus, in collaborazione con la Conferenza zonale dei sindaci e l’Azienda Usl Toscana Sud Est.

Il servizio, dedicato alle famiglie di persone con disabilità, trova sede nel Comune di San Giovanni Valdarno, in via Garibaldi 43 ma offrirà uno spazio di ascolto per i disabili e i loro cari dell’intero territorio del Valdarno. Sarà aperto il secondo e il quarto martedì di ogni mese dalle ore 15 alle ore 17 e sarà anche possibile prendere appuntamento telefonando al numero 331 9851795.

Lo sportello ha come obiettivo quello di fornire informazioni sui percorsi previsti  dalla legge “Dopo di noi –  disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare”per affrontare il futuro delle persone con disabilità gravi dopo la morte dei parenti e valutare la possibilità di intraprendere percorsi legati alla disabilità.

L’apertura del servizio, prevista a fine ottobre scorso, aveva coinciso con le nuove restrizioni dovute all’emergenza sanitaria  in corso e l’effettiva attivazione era necessariamente slittata.

“Siamo felici che da domani lo sportello di ascolto possa essere aperto e di poterlo ospitare nel nostro Comune – aggiunge l’assessore alle politiche sociali e welfare Nadia Garuglieri –.  Si tratta di un servizio importante, approvato dalla Conferenza dei sindaci lo scorso anno, a cui noi tenevamo particolarmente. Lo scopo è quello di costruire, sulla base delle opportunità previste dalla normativa nazionale in materia, un percorso personalizzato per coloro che ne abbiano necessità, tenendo conto delle specifiche esigenze di ciascuno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre lo sportello di ascolto “Dopo di noi”

ArezzoNotizie è in caricamento