Mercoledì, 16 Giugno 2021
Attualità

Anghiari, slitta l’acconto Tari in un’unica soluzione al 30 settembre

Polcri: "Attendiamo fiduciosi che il Governo intervenga con nuove agevolazioni o riduzioni del tributo per far fronte all’emergenza Covid"

Ancora una volta l’amministrazione comunale di Anghiari dimostra, per il secondo anno consecutivo, vicinanza alle famiglie e alle imprese in difficoltà a causa della pandemia da Covid-19.

Le utenze domestiche e non, potranno infatti decidere di pagare le due scadenze Tari di aprile e di luglio 2021 effettuando un unico versamento entro il 30 settembre 2021, senza subire alcuna sanzione per il ritardato pagamento. Una boccata di ossigeno e un messaggio di vicinanza alla comunità, lanciato dal sindaco Polcri e da tutta la Giunta comunale che venerdì scorso ha deliberato il provvedimento tenendo conto della situazione di criticità in cui continuano a trovarsi molti cittadini. Il provvedimento non riguarda infatti solo le attività economiche, ma anche le famiglie duramente colpite dalla pandemia: tutto ciò in attesa che vengano assegnate nuove risorse dallo Stato per l’anno corrente che consentiranno di coprire le maggiori spese e le minori entrate dovute all’emergenza sanitaria Covid.

Il sindaco Polcri avanzerà la richiesta al Consiglio di rinviare il saldo Tari 2021 al febbraio 2022, riconoscendo così un’ ulteriore dilazione agli anghiaresi.

Per quanto riguarda le tariffe, è opportuno precisare che nel 2020 erano rimaste  ferme al 2019 grazie ad una legge del Governo che consentiva la possibilità di distribuire il pagamento del conguaglio tra il 2019 e 2020 nel triennio successivo nonché dando la facoltà ai Comuni di  attribuire agevolazioni o riduzioni delle tariffe legate alla situazione emergenziale.

Va poi precisato che il nuovo  meccanismo di calcolo, in vigore da quest’anno, non è più deciso dal Comune, bensì da un diverso Ente che predispone il PEF sulla base delle pertinenze indicate dal Gestore Sei Toscana  ed approvato in seconda istanza da Arera. Questo nuovo iter potrebbe portare, se pur  a saldi invariati,  a delle variazioni di tariffa per alcuni cittadini dovute solo alle nuove modalità di conteggio.

"Non condivido il passaggio al nuovo  metodo di calcolo Mrt della Tari - ha chiosato il sindaco Polcri -  si tratta di un cambiamento sostanziale che riduce ulteriormente il potere dei Comuni di disporre di una politica tariffaria. Dall’altra con questo rinvio degli acconti stiamo ‘comprando tempo’, chiarisce Polcri, aspettando fiduciosi che il Governo stabilisca delle regole precise per non gravare sulle famiglie e imprese. Siamo ben consapevoli della situazione che stanno vivendo i cittadini e ancora una volta vogliamo dimostrare la nostra vicinanza, concedendo una boccata di ossigeno a tutte le attività e le famiglie che da un anno stanno facendo i conti con una crisi socio economica e sanitaria senza precedenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anghiari, slitta l’acconto Tari in un’unica soluzione al 30 settembre

ArezzoNotizie è in caricamento