Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

Azzerati di Banca Etruria, Angelo e Francesco attendono arbitrato e giustizia: "Le controquerele? A me hanno forzato il sistema"

Due casi particolari di risparmiatori di Banca Etruria che sono rimasti senza nulla in mano. Francesco ha 44 anni, ha reddito zero e nel luglio del 2014 ha firmato in Banca Etruria l'acquisto di obbligazioni subordinate per mantenere un...

protesta laterina7

Due casi particolari di risparmiatori di Banca Etruria che sono rimasti senza nulla in mano.

Francesco ha 44 anni, ha reddito zero e nel luglio del 2014 ha firmato in Banca Etruria l'acquisto di obbligazioni subordinate per mantenere un gruzzoletto di risparmi al sicuro, "Mi era scaduto un conto deposito garantito che non era più disponibile, così mi hanno detto che c'erano le obbligazioni subordinate dicendomi che erano sicuro con una scadenza di dieci anni e alla fine avrei ripreso il capitale investito." E invece: "Invece niente, le ho comprate un mese dopo rispetto al paletto messo dal Ministero che è a giugno 2014. Non capisco perché si chiami fondo di solidarietà, visto che non c'è solidarietà verso chi come me ha reddito zero."

Angelo è un pensionato del settore metalmeccanico, con tre anni anche di attività da sindacalista "mi hanno cercato per anni, dal 2002, per vendermi azioni, sono stato cliente per 40 anni e prima c'erano i miei genitori. Alla fine mi hanno convinto e ho acquistato qualche migliaia di euro di azioni, non è per l'importo, ma per il modo." Angelo nell'intervista ci racconta la procedura di acquisto, il computer che si blocca, il dubbio che sorge qualche tempo dopo sul sistema e aggiunge "ho capito che hanno forzato il sistema e poi una dipendente che fece l'operazione me lo ha confermato quando sono tornato in banca."

Angelo e Francesco non accettano anche si stiano diffondendo notizie di dipendenti della banca che controquerelano i risparmiatori, ma sono pronti ad andare avanti. Si costituiranno parte civile nel processo che prenderà il via il 22 giugno per bancarotta fraudolenta.

Francesco aveva messo in conto qualche contro mossa ma "spero che siano prima di tutto loro, i dipendenti a dire la verità, che sia un sindacato a sostenere le controquerele mi pare strano, dovrebbero difendere lavoratori di tutte le categorie, come siamo noi risparmiatori."

Anche Angelo la pensa così, anzi "sono stato impegnato nel sindacato, nel consiglio di fabbrica per tre anni, mi sembra una grossa anomalia che un sindacato faccia querelare i risparmiatori mi sembra un contro senso, non è più a difesa dei lavoratori di qualsiasi settore siano."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azzerati di Banca Etruria, Angelo e Francesco attendono arbitrato e giustizia: "Le controquerele? A me hanno forzato il sistema"

ArezzoNotizie è in caricamento