Anche Oxfam partecipa alla Marcia delle donne e degli uomini scalzi

Anche Oxfam Italia, associazione umanitaria da tempo impegnata nell’accoglienza di profughi e migranti richiedenti asilo in Toscana, ad Arezzo e Firenze, aderisce alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi”, in programma domani dalle ore 18...

Mani-libri-migranti

Anche Oxfam Italia, associazione umanitaria da tempo impegnata nell’accoglienza di profughi e migranti richiedenti asilo in Toscana, ad Arezzo e Firenze, aderisce alla “Marcia delle donne e degli uomini scalzi”, in programma domani dalle ore 18:00 ad Arezzo e Firenze.

Ad Arezzo il corteo si snoderà da piazza San Jacopo fino alla Casa delle Culture di piazza Fanfani; a Firenze la marcia partirà invece da piazza Santa Maria Novella per concludersi in piazza San Giovanni. Uomini e donne che marceranno insieme a piedi scalzi per esprimere e testimoniare solidarietà ai migranti e profughi in fuga da guerra e povertà e chiedere maggiori tutele per i tanti che sono stati costretti a lasciarsi tutto alle spalle per scappare verso l’Italia e l’Europa alla ricerca di una vita “normale” per se stessi e propri cari.

“E’ inaccettabile che ancora oggi centinaia di migliaia di persone rischino la vita per fuggire da guerra, violenza e povertà. - afferma Alessandro Bechini, direttore Programmi in Italia di Oxfam - E’ necessario predisporre a livello europeo canali legali di transito per coloro che vogliono raggiungere l’Europa e chiedere asilo, creando assieme un sistema di asilo realmente europeo. Sono posizioni che Oxfam sostiene da sempre: per questo motivo abbiamo deciso di partecipare alle iniziative in programma ad Arezzo e Firenze, in contemporanea con le tante organizzate in tutta Italia. Speriamo che la voce di tutti noi possa giungere alle istituzioni e dar vita a un cambiamento di rotta sempre più urgente”.

Quattro le richieste che gli organizzatori delle iniziative, raccogliendo l’appello lanciato da Venezia dal primo gruppo di firmatari, tra cui Lucia Annunziata, Gad Lerner e Roberto Saviano, desiderano promuovere all’interno della marcia:

1. Certezza di corridoi umanitari sicuri per vittime di guerre, catastrofi e dittature

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
2. Accoglienza degna e rispettosa per tutti

3. Chiusura e smantellamento di tutti i luoghi di concentrazione e detenzione dei migranti

4. Creazione di un unico sistema di asilo europeo, che superi il regolamento di Dublino Oxfam Italia, è al lavoro a fianco delle popolazioni colpite da guerre ed emergenze umanitarie per garantire a tutti le risorse essenziali per condurre una vita dignitosa. Intervenendo sia nelle più gravi crisi del Mediterraneo, nei paesi di origine dei profughi, a partire dall’emergenza umanitaria siriana, che in quattro anni ha già provocato oltre 4 milioni di profughi; sia nell’accoglienza dei migranti richiedenti asilo in Toscana: nelle province di Arezzo e Firenze al momento Oxfam si sta occupando dell’accoglienza di oltre 90 migranti richiedenti asilo, accompagnando il percorso di integrazione dei migranti nel nostro paese attraverso corsi di lingua, assistenza legale e psicologica, assistenza sanitaria e percorsi di formazione professionale. Tante attività realizzate per facilitare il percorso di inserimento dei migranti, realizzate in collaborazione con molti soggetti del territorio toscano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Doppio dramma della strada: Enrico e Stefano, due vite spezzate

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • "Addio Enrico", quell'amore per moto e calcetto. Il dolore di Palazzo del Pero: attesa per i funerali

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento