Arezzo allagata: servono più di 34 milioni. Come, quando e chi può richiedere risarcimenti, tutte le info

Tutto quello che c'è da sapere sull'accesso ai fondi dello sportello fidi Toscana e sui ristori per i privati danneggiati

Censire, documentare e iniziare a fare i conti. Perché a tempo debito potrà essere richiesto il risarcimento danni.

A distanza di quindici giorni dalla bomba d'acqua che ha alluvionato Bagnoro, Olmo, Rigutino e Cesa, ecco che è scattato per molti il censimento dei danneggiamenti subti.
Attualmente il governo toscano, oltre a dichiarare lo stato di emergenza regionale, richiedere quello nazionale e la calamità naturale, ha aperto ad Arezzo uno sportello fidi con un plafond di 20 milioni di euro che potranno essere richiesti da tutte le attività colpite e ferite dalla furia dell'acqua.

"Della serie - ha sottolineato il governatore della Toscana Enrico Rossi - pochi, maledetti ma subito. La Regione questo poteva fare. Oltre a prevedere le somme necessario per gli interventi di somma urgenza riguardanti strade e beni pubblici, ci siamo attivati per l'apertura di questo sportello fidi. Chi accederà al prestito potrà restituirlo dopo tre anni, senza interessi e avrà 10 anni di tempo per farlo". 

Lo sportello Fidi Toscana si trova al piano terra della sede del Genio Civile di Arezzo (in via Testa 2) e sarà aperto al pubblico nei giorni 6-8-22-29 agosto con orario 10-13 e 14-16.

Oltre 34 milioni di euro per curare Arezzo: i conti dell'alluvione

Arezzo allagata: il racconto di un disastro

Per quello che riguarda invece i privati, i cittadini che si sono ritrovati con centimetri di acqua e fango in casa, la procedura da seguire è un'altra e, come fa sapere la Protezione Civile, è presto "per chiedere i relativi risarcimenti" visto che "i primi fondi a disposizione degli enti saranno destinati alle emergenze pubbliche e dunque alla riparazione di strade, ponti e argini".
E allora come fare e cosa fare?
La risposta è fornita ancora una volta dalla Protezione Civile che sottolinea come "solo quando la Regione Toscana avrà diffuso apposita modulistica per la segnalazione dei danni, i cittadini potranno effettuarla nei modi e nei tempi che verranno opportunamente pubblicizzati.

Il totale delle segnalazioni consentirà di comporre il censimento effettivo dei danni subiti da soggetti privati e dunque comporre una stima delle somme eventualmente da risarcire.

Nel frattempo, l’invito ai cittadini è quello di documentare ogni eventuale spesa di ripristino effettuata, conservando documentazione di spesa unitamente ad ogni altra documentazione tecnica o fotografica disponibile".

Agricoltura in ginocchio

Remaschi: "Ecco le opportunità per gli agricoltori colpiti"

Agricoltura in ginocchio. Danni stimati per 10milioni di euro: "Serve stato di calamità"

"Se, come ci auguriamo, il ministero - ha spiegato Marco Remaschi, assessore regionale - riconoscerà lo stato di calamità naturale, per gli imprenditori agricoli si aprirà l'opportunità di ottenere aiuti economici. Sul sito dell'Artea hanno già da ora e per i prossimi venti giorni la possibilità di fare domanda. Le misure a cui possono fare riferimento sono la 5.1 che riguarda la prevenzione e la 5.2 che prevede il ristoro di alcuni danni subiti rispetto agli investimenti già effettuati. Per chi invece volesse ripartire e dare una spinta alla propria azienda, la misura 4.1, a sportello e senza alcun bando, prevede l'erogazione di finanziamenti, fino a 500.000 euro, a tassi molto agevolati. Infine la Regione é disponibile a concedere il microcredito da 10 a 20.000 euro anche alle aziende agricole che potranno iniziare a restituirlo, anche i n dieci anni, a partire dal terzo".

Per quello che concerne le aziende agricole le segnalazioni potranno essere presentate fino alle ore 24 del 20 agosto 2019. Referente Regione Toscana: Riccardo Muni riccardo.muni@regione.toscana.it

Censimento Marciano della Chiana

Allo scopo di documentare la consistenza dei danni economici causati dal maltempo, l'amministrazione comunale ha attivato un indirizzo di posta elettronica dedicato: emergenza@comune.marcianodellachiana.ar.it

Si invitano i cittadini ad inviare video, immagini e quanto ritenuto necessario per rappresentare l'entità del danno subito all'indirizzo Si precisa che la segnalazione ha il solo scopo di documentare la dimensione complessiva del danno e non è un canale di intervento ne di soccorso.

Danni da maltempo: come segnalarli e a chi. L'indirizzo di posta elettronica

Attesa per l'emergenza nazionale

"Va avanti anche la richiesta di emergenza nazionale - ha sottolineato l'assessore Federica Fratoni - ed abbiamo contatti quotidiani con il capo dipartimento Borrelli, ma nel frattempo abbiamo voluto mettere a disposizione delle imprese colpite strumenti che possano dare loro una boccata d'aria, come il microcredito fino a 20.000 euro da rimborsare in 10 anni senza interessi. Una misura specifica riguarderà le imprese agricole, per le quali è previsto un fondo che dá la possibilità di accedere tramite Fidi Toscana a garanzie rilasciate dalle banche da 25.000 euro a 160.000 euro".

La conta dei danni tra pubblico, aziende e ditte

Ammontano a 2 milioni e mezzo di  euro le spese di somma urgenza rilevate, ovvero gli interventi necessari  a ripristinare le situazioni di sicurezza dopo i nubifragi di fine luglio. Molte riguardano l'aretino: 1 milione e 600 mila euro complessivamente (436 mila solo per il  comune di Arezzo e 131 mila per Foiano della Chiana, i più colpiti). A questi si sommano gli interventi urgenti per ridurre i rischi futuri: 15 milioni di euro la spesa ipotizzata.

I danni a negozi, alberghi ed imprese produttive si stimano al momento in tutta la Toscana 7 milioni di euro: 71 le imprese colpite e 3 milioni e 514 mila euro i danni solo in provincia di Arezzo secondo la Camera di Commercio, che ha raccolto le prime stime, azienda per azienda, attraverso le associazioni di categoria, e 40 le imprese interessate e 744 mila euro di perdite nel senese. Andando ulteriormente nel dettaglio sono 1 milione e 987 mila euro i danni stimati nel comune di Arezzo, 566 mila a Castiglion Fiorentino, 365 mila a Civitella della Chiana, 355 mila a Marciano della Chiana, oltre 184 mila a Monte San Savino e 55 mila a Foiano della Chiana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i danni subiti dai privati le prime stime effettuate dai Comuni parlano di circa cinquemila famiglie coinvolte e perdite per 15 milioni (13 solo nel comune di Arezzo). Quanto alle imprese agricole si ipotizzano al momento 24 milioni di euro di danni in tutta la Toscana: 14 milioni ad Arezzo ed altri dieci dal senese e l'Amiata grossetana fino ai  comuni vitivinicoli di Montaione, Montespertoli e Castelfiorentino nell'empolese e Valdelsa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento