rotate-mobile
Attualità

Allevatori colpiti da predazioni, si replica l’economia circolare per le carcasse

Le procedure di smaltimento saranno eseguite in collaborazione con gli uffici delle Asl e in base alle norme e i regolamenti europei

Prosegue la sperimentazione attivata all’insegna dell’economia circolare a favore degli allevatori colpiti da eventi di predazione. 

Anche per quest’anno la Regione con 30mila euro finanzia la rimozione e lo smaltimento delle carcasse degli animali predati da attacchi da parte di lupi o canidi che potranno essere riutilizzate per alimentare gli esemplari di lupo custoditi nel parco faunistico dell’Amiata. 

“Si tratta di una misura adottata l’anno scorso in via sperimentale per le province di Arezzo, Grosseto e Siena, le aree dove avviene il 90% delle predazioni della Toscana - spiega la vicepresidente Stefania Saccardi - La fase sperimentale necessita di essere completata e abbiamo ritenuto pertanto  necessario, anche per l’annualità 2024, contribuire al completamento della sperimentazione. La Regione finanzierà l’Unione dei Comuni montani che provvederanno a recuperare le carcasse e a custodirle in celle frigo. Saranno così sollevati gli allevatori, nel caso siano stati colpiti da una predazione, dal sostenere l’ulteriore spesa dello smaltimento delle carcasse e, al tempo stesso, si verrà incontro al bilancio dell’Unione dei Comuni montani dell’Amiata grossetana, che ha in affidamento la gestione del lupo e degli ibridi custoditi nel cosiddetto Fortino del lupo, un'area ben recintata in cui gli animali sono lasciati in libertà nel Parco dell’Amiata, uno spazio nato proprio per mitigare i conflitti dovuti alla presenza di lupi e ibridi”.

Le procedure di smaltimento saranno eseguite in collaborazione con gli uffici delle Asl e in base alle norme e i regolamenti europei. 

Concluso il periodo di sperimentazione, se l’attività avrà dato buoni risultati, sarà estesa dalle tre province campione a tutta la Toscana

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allevatori colpiti da predazioni, si replica l’economia circolare per le carcasse

ArezzoNotizie è in caricamento