Martedì, 28 Settembre 2021
Attualità

Allerta attentati, il camion del Comune come barriera a protezione del mercato cittadino

Non sarà una barriera di quelle tradizionali. Ma di fatto è anche così che il Comune di Arezzo ha deciso di attivarsi per aumentare le misure di sicurezza contro gli attacchi terroristici. Dopo aver incrementato il numero di personale addetto alla...

Non sarà una barriera di quelle tradizionali. Ma di fatto è anche così che il Comune di Arezzo ha deciso di attivarsi per aumentare le misure di sicurezza contro gli attacchi terroristici. Dopo aver incrementato il numero di personale addetto alla sicurezza nel mercato di via Giotto, e dopo aver moltiplicato il numero delle transenne tra i banchi degli ambulanti, questa mattina è apparsa una nuova "barriera". Un camion della manutenzione posizionato di traverso tra gli ingressi che da via Crispi e da viale Signorelli.

In via Giotto il mezzo ha sollevato un po' di curiosità. Ma nessun timore particolare è stato manifestato da parte degli aretini, che come ogni settimana, hanno raggiunto il viale per lo shopping nello storico mercato del sabato. La paura per gli attentati non sembra aver fatto breccia: le immagini che durante la scorsa settimana sono arrivate tramite tv, social, e giornali pur avendo toccato profondamente gli aretini, non sembrano averli dissuasi dalle loro abitudini. La cultura del terrore insomma, non sembra aver attecchito.

Certo la scelta della "barriera anti sfondamento" cittadina ha colto un po' tutti di sorpresa: complici i tempi ridotti nei quali è stato deciso di stringere le maglie della sicurezza, il primo provvedimento è apparso quantomeno insolito.

In questi ultimi mesi, quasi tutte le grande città italiane hanno installato barriere nelle zone di grande affluenza e previsti maggiori controlli da parte delle forze dell'ordine. Attenzione in particolare per le zone della movida e per gli eventi in cui è prevista una grande affluenza di pubblico. A Firenze ad esempio il Comune ha comunicato che verranno collocati dissuasori mobili e catene.

"Siamo al lavoro su questo fronte - ha spiegato nei giorni scorsi l'assessore alla sicurezza del Comune di Arezzo Barbara Magi - anche se i fatti di cronaca che raccontano terribili episodi come quello spagnolo e quello finlandese sembrano lontani dobbiamo ricordare che purtroppo il rischio zero non esiste".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allerta attentati, il camion del Comune come barriera a protezione del mercato cittadino

ArezzoNotizie è in caricamento