Allarme carni. Alberto Rossi: "L'emergenza riguarda prodotti a lunga conservazione"

E' il presidente della Federcarni Confocommercio Alberto Rossi ad esprimere il proprio punto di vista riguardo all'allarme carni rosse lanciato dall'Oms. Di seguito il suo intervento. Cari Consumatori Toscani, leggo le notizie sulla carne...

Rossi_Accademia_Gusto

E' il presidente della Federcarni Confocommercio Alberto Rossi ad esprimere il proprio punto di vista riguardo all'allarme carni rosse lanciato dall'Oms.

Di seguito il suo intervento. Cari Consumatori Toscani, leggo le notizie sulla carne rossa e questa volta il problema – più che nelle caratteristiche di manzi, maiali e vitelli– mi pare stia nella necessità di creare scalpore e allarmare. Si generalizza passando dall’hot dog al prosciutto, dalle salsicce alle carni rosse lavorate, e i titoli attaccano anche la carne rossa in genere. Leggendo meglio si capisce che le carni incriminate in realtà sono soltanto quelle lavorate cotte a lunga conservazione: würstel, insaccati, salumi trattati con conservanti e prodotti chimici. Ma davvero i toscani mangiano tutta questa roba? O si concedono invece un buon salame e un bicchiere di vino in famiglia proprio quella sera della settimana in cui non c’è tempo di cucinare, e allora si prepara una bella insalata e si tira fuori il tagliere? Chi è che tutte le mattine, al risveglio, mangia pancetta affumicata chimicamente? PIAZZA GUSTO AR 2014_ grp macellaiI macellai toscani escono anche stavolta a testa alta, e con loro tanti consumatori della nostra regione. Nelle nostre botteghe artigiane – piccole ma di grande professionalità- sui nostri banchi, preparati con cura certosina, non troverete prodotti conservati dubbi e nocivi, ma soltanto carni fresche provenienti da piccoli allevamenti locali che producono pochi capi con criteri tradizionali e finalizzati esclusivamente alle macellerie (guardate i certificati di tracciabilità esposti nei negozi). Sono carni sane dalle quali poi ricaviamo - con trasformazioni casalinghe e antiche - ottimi pronti a cuocere che hanno un massimo di cinque giorni di scadenza, oppure carni cotte in proprio che devono esser consumate entro i tre giorni, insaccati freschi come le celebri salsicce toscane, preparate minimo due volte a settimana, e infine gli insaccati stagionati con piccole partite che vanno da 20 a 50 kg di prodotto. Vuoi per la qualità delle carni, vuoi per i tempi di consumo, queste nostre “carni lavorate” non hanno alcun bisogno di conservanti e tantomeno di prodotti chimici. Con Federcarni Confcommercio Italia abbiamo per altro intrapreso un percorso di aggiornamento e formazione affiancato da una biologa nutrizionista in modo da continuare la tradizione della macelleria adattandola alle necessità della alimentazione contemporanea. Le comunicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sono di grande importanza per dissuadere da abitudini scellerate chi è tentato dal prezzo contenuto di prodotti inscatolati di dubbia provenienza e qualità scadente. La qualità e la freschezza delle carni fresche come di quelle preparate, la grande varietà della nostra alimentazione, nonché la sapienza di tante famiglie toscane che fanno la classica spesa, se non giornaliera, ogni due o tre giorni, dal macellaio di fiducia garantiscono contro i rischi paventati in questi giorni. A volte spendere un euro in più per acquistare un prodotto sicuro, sano, tracciato e buono vale proprio la pena. Alberto Rossi Presidente Federcarni Confcommercio Toscana
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento