Al via gli scambi e i progetti ricerca con la Wenzhou University

Una delegazione cinese dell’Università di Wenzhou è stata ricevuta ieri ad Arezzo, nel campus del Pionta, dal Consiglio del Dipartimento di Scienze della formazione e della comunicazione interculturale, dalla direttrice Loretta Fabbri e dal...

visita Wenzhou University 27.7.17

Una delegazione cinese dell’Università di Wenzhou è stata ricevuta ieri ad Arezzo, nel campus del Pionta, dal Consiglio del Dipartimento di Scienze della formazione e della comunicazione interculturale, dalla direttrice Loretta Fabbri e dal presidente del Corso di laurea in Lingue Roberto Venuti.

L’Ateneo senese ha messo a disposizione dell’Università di Wenzhou degli spazi per l’avvio delle attività che saranno svolte in collaborazione e che prevedono scambi di studenti, docenti e lettori di lingua straniera e progetti di ricerca congiunti.

"L’attenzione dell’Università di Siena per la Cina è testimoniata dagli accordi firmati nell'ultimo anno con l'Ateneo di Wenzhou e con l'Università Normale dello Zhejiang - ha detto la direttrice del Dipartimento universitario, Loretta Fabbri - . Nella sede di Arezzo in particolare, da quest’anno l'insegnamento della Lingua cinese da annuale diventerà triennale nel corso di laurea in Lingue e sarà sostenuto dalle università cinesi che collaborano con noi”. Agli studenti che sceglieranno di studiare il cinese come lingua triennale l’Università di Wenzhou metterà a disposizione delle borse di studio per trascorrere un semestre in Cina. Le opportunità di scambio con il grande paese asiatico non riguarderanno però solo il corso di laurea in Lingue ma anche quello in Scienze dell'educazione e della formazione, entrambi organizzati dal Dipartimento di Arezzo. “Il nostro Dipartimento intende diventare un punto di riferimento per la formazione universitaria e l’inclusione di studenti cinesi residenti in Italia, di seconda e terza generazione – ha aggiunto la professoressa Fabbri - . Inoltre, studenti italiani e cinesi in futuro potranno conseguire il doppio titolo di studio: presso l'Università di Siena e presso l'Università cinese partner”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“Questa collaborazione – ha detto il presidente del corso di laurea in Lingue Roberto Venuti - è un’occasione importante per tutto il Dipartimento universitario di Arezzo, dal quale poi si estenderà alle altre strutture didattiche e di ricerca del nostro Ateneo”.

Per l’Università di Wenzhou è la prima esperienza del genere in Europa e rientra nelle iniziative del progetto di cooperazione internazionale sulla nuova “Via della Seta”. Il responsabile delle Relazioni internazionali dell’Ateneo, Xiaopeng Yan, nel corso degli incontri di ieri nel campus del Pionta ha ricordato anche la recente partecipazione del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Forum internazionale di Pechino per rafforzare i rapporti economici e culturali tra Italia e Cina. “Siamo onorati di iniziare gli scambi con l’Università di Siena e in particolare con il Dipartimento di Arezzo – ha detto Xiaopeng Yan - , una collaborazione che permetterà di realizzare un ponte tra i due paesi. Abbiamo certamente bisogno dei suggerimenti italiani per un sviluppo più sostenibile ed equo della nostra economia. Aspettiamo insegnanti e studenti dell’Università di Siena per periodi di studio e ricerca a Wenzhou e nostri studenti e insegnanti saranno presto a Siena e ad Arezzo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento