Aisa Impianti risponde a Farsetti: "Non sosteniamo finanziariamente il Warehouse Festival"

L'azienda che gestisce l'impianto di San Zeno: "Il candidato sindaco venga da noi a controllare le fatture"

L'impianto di San Zeno

Risposta di Aisa IMpianti, che gestisce San Zeno, alla dichiarazione di Daniele Farsetti, candidato alla carica di sindaco del Comune di Arezzo che ha commentato l’evento Warehouse 2020 in programma stasera, sabato 5 settembre, nell’area verde antistante l’impianto.

"Per il rispetto dei cittadini e del loro diritto ad una corretta informazione, alla luce delle inesattezze e delle informazioni errate contenute in tale dichiarazione apparsa on line, l’azienda precisare quanto segue: Aisa Impianti 'non sente la necessità di organizzare un festival musicale', ma ha invece sentito la necessità, 7 anni fa, di aiutare l’Associazione Music, la stessa che organizza il Mengo Festival, a trovare un luogo adatto a un concerto che si dovesse svolgere all’interno di una realtà industriale, un 'warehouse', appunto. Una volta stabilito con l’associazione che l’azienda non avrebbe sostenuto finanziariamente il progetto, ha accolto favorevolmente la proposta, come ne ha accolte tante altre: la gara dei cervelli che si terrà mercoledì 9 settembre, oppure la Camminata della Valdichiana di domenica 13 settembre. Tutte all’interno del polo di recupero totale di San Zeno, perché permettono la condivisione e la conoscenza capillare di una realtà industriale che è patrimonio della collettività. In merito dunque all’affermazione 'appare inopportuno spendere decine di migliaia di euro pubbliche' nel Warehouse, invitiamo il candidato alla carica di sindaco a prendere visione nei nostri uffici delle fatture che i musicisti del Warehouse 2020 hanno emesso o emetteranno nei confronti di questa azienda: non ne troverà perché i costi per gli artisti e l’allestimento del palco rimangono a carico dell’associazione musicale. Infine, l’azienda non è interessata ad alcun 'ritorno di immagine' perché non ha da vendere alcun prodotto. L’obiettivo è semmai che tutti i cittadini, dei quali è a servizio, abbiano la possibilità di entrare nell’impianto, verificarne di persona il livello tecnologico, utilizzarne gli spazi, apprezzare la serietà e la professionalità del personale che tutti i giorni dell’anno lavora per assicurare il recupero dei rifiuti di tutti, compresi coloro che non approvano le recenti scelte aziendali, nel massimo della sicurezza ambientale e sanitaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm in arrivo: regioni chiuse e nuova divisione per colori. Cosa cambia per la Toscana

  • Saturimetro: come funziona e quali sono i migliori modelli da acquistare on line

  • Toscana ancora in zona gialla? Si decide. Nuovo Dpcm: massimo 2 ospiti non conviventi in casa

  • Banda dell'Audi bianca, è caccia aperta: le segnalazioni e la foto virale che fa sperare nell'arresto. Ma è un'altra operazione

  • Marito e moglie fermati da finti militari, picchiati e rapinati

  • Neve e vento forte: è codice giallo in provincia di Arezzo. L'elenco dei comuni interessati

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento