Domenica, 19 Settembre 2021
Attualità

Aisa, 200 mila euro di utili ai Comuni. San Zeno il più virtuoso nella Toscana del Sud

L'impianto di San Zeno rispetto a due anni fa costa il 12% in meno. Se a Grosseto il costo unitario di trattamento dei rifiuti è di 59 euro a tonnellata, se a Siena è di ben 84 euro, ad Arezzo questa cifra scende a 50 euro. Sono le funzioni...

aisa-bilancio

L'impianto di San Zeno rispetto a due anni fa costa il 12% in meno. Se a Grosseto il costo unitario di trattamento dei rifiuti è di 59 euro a tonnellata, se a Siena è di ben 84 euro, ad Arezzo questa cifra scende a 50 euro. Sono le funzioni accorpate gestite in maniera integrata nello stesso polo a spiegare in gran parte l'abbattimento dei costi, che riguardano soprattutto il trasporto dei rifiuti.

Questi numeri spiegano il bilancio virtuoso dell'azienda pubblica Aisa Impianti, dove i soci sono alcuni Comuni della provincia di Arezzo. Nell'impianto di San Zeno le funzioni sono accorpate e permettono di abbattere i costi del trasporto.

Il compostaggio è l'esempio più lampante. Delle 60 mila tonnellate annue di rifiuti urbani che arrivano dalla città di Arezzo, la presenza di materia organica oscilla tra il 30 e il 40%. La parte umida viene fatta essiccare nell'impianto di San Zeno dove il volume diminuisce del 70% e questo già comporta un risparmio nel trasporto tra il 20 e il 30%.

"Abbiamo approvato un bilancio importante dove gli utili sono aumentati, da 233 mila euro del 2015 a 280 mila euro del 2016 - ha spiegato il presidente di Aisa Giacomo Cherici - questo ha permesso di distribuire risorse ai soci pubblici. La vecchia concezione dell'inceneritore non c'è più, l'impianto di San Zeno è un polo tecnologico dedicato al recupero di materia, energia e calore."

Il compostaggio, il teleriscaldamento sono le strategie chiave che Aisa intende perseguire, valorizzando soprattutto la raccolta di umido e la produzione di compost a domicilio, un ciclo virtuoso di recupero degli scarti della cucina o dell'orto che permette di non accendere il motore dei mezzi per il trasporto dei rifiuti.

"Aisa è l'esempio di una azienda pubblica virtuosa, vicina al territorio che funziona bene perché integrata - ha detto il sindaco Alessandro Ghinelli - un modello da seguire e che dovrebbe far capire anche alla Regione Toscana che andare verso l'Ato unico dei rifiuti è una scelta sbagliata. Per una volta la Regione dovrà dare retta ai sindaci che hanno la necessità di tenere i servizi e la loro governance vicino al territorio che ne usufruisce."

Recentemente l'assemblea di Aisa ha inoltre stabilito che dei 280 mila euro di utili, 200 mila saranno distribuiti tra i soci.

"Il Comune di Arezzo beneficerà di utili che non erano previsti, perché non erano inseriti nel bilancio di previsione - ha spiegato l'assessore al bilancio Alberto Merelli - Si tratta di una cifra di 180 mila euro che deriva da riduzione di costi e per questo potrà essere impiegata per la spesa corrente, ma non per incidere sulla Tari."
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aisa, 200 mila euro di utili ai Comuni. San Zeno il più virtuoso nella Toscana del Sud

ArezzoNotizie è in caricamento