Accoglienza e lavoro volontario. Migranti al lavoro nella zona Oltrarno a San Giovanni

Provengono dal Ghana e dal Senegal. Sono tutti giovani: sei sono ospitati nella zona Oltrarno ed altrettanti alle Fornaci. Fanno volontariato, aiutano a tenere puliti i parchi, partecipano alle iniziative delle associazioni di volontariato...

migranti_Sangiovanni_ok

Provengono dal Ghana e dal Senegal. Sono tutti giovani: sei sono ospitati nella zona Oltrarno ed altrettanti alle Fornaci. Fanno volontariato, aiutano a tenere puliti i parchi, partecipano alle iniziative delle associazioni di volontariato.

Per loro – spiega l’assessore al welfare del Comune di San Giovanni, Sandra Romeiabbiamo messo a punto due progetti di accoglienza in collaborazione con 100fiori, associazione che si occupa dell’accoglienza di rifugiati e migranti. Questi 12 giovani africani sono in attesa del riconoscimento dello status di rifugiati. Nel frattempo si sono detti disponibili a fare ciò che fosse necessario e, ovviamente, possibile per loro. Come Amministrazione comunale abbiamo quindi avviato un percorso di collaborazione volontaria per la pulizia di aree verdi attrezzate maggiormente frequentate”.

Nei giorni scorsi hanno quindi lavorato a Ponte alle Forche, collaborando alla giornata di festa nel quartiere che ha ospitato giochi sportivi, cena e musica. “Il loro intervento è ben riuscito ed il lavoro dei ragazzi è stato apprezzato nel quartiere – commenta Sandra Romei. Tanto che, alla sera, sono tornati ed hanno mangiato alla festa condividendo la serata con i residenti del quartiere. Alla fine hanno anche premiato, insieme al Sindaco Viligiardi, i bambini del torneo di calcio . Penso che per loro sia stata veramente una bella esperienza”.

Una valutazione condivisa anche da Gabriele Mecheri, Coordinatore di 100fiori: “San Giovanni è un esempio di quello che vogliamo fare nel territorio. I rifugiati che ospitiamo vogliono e devono integrarsi nella comunità che li accoglie. E il primo passo è il lavoro, ovviamente volontario ma che è il segnale chiaro della volontà di ricevere accoglienza ma anche di offrire disponibilità al servizio dei cittadini. Per loro, fare qualcosa per la comunità, è il miglior segnale di accoglienza e integrazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo Ponte alle Forche, i giovani africani si sposteranno dagli anziani del quartiere del Calambrone e successivamente alle Fornaci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento