Attualità Centro Storico / Via Baldaccio D'Anghiari

Da palazzina sfitta a centro prelievi: la seconda vita del Baldaccio. Al via i lavori per il raddoppio del sottopasso

Dagli interventi di riqualificazione della palazzina posta sopra al parcheggio multipiano fino agli interventi sulla viabilità che porteranno al raddoppio del sottopasso ferroviario. Il punto dell'amministrazione

In un lato dell’edificio sorgerà il nuovo punto di prelievi mentre, nell’altro, verranno allestiti degli studi medici per poi ospitare anche la Casa della Salute. È così che, secondo i piani dell’amministrazione comunale, l’area prossima al multipiano Baldaccio cambierà volto. L’investimento iniziale per i lavori da parte dell’amministrazione aretina, proprietaria dell’immobile, ammontava a 320mila euro. A questi se ne sono aggiunti altri 200mila poiché, come evidenziato nell’ultima delibera di giunta, “sono venuti meno i presupposti e l'interesse di questa amministrazione alla realizzazione del progetto di restauro e spostamento della stele monumentale da piazza del Popolo a piazza della Repubblica”.

Già negli scorsi mesi, in conseguenza all’acuirsi dell’emergenza sanitaria Covid, l’area del multipiano di via Baldaccio d’Anghiari, ha modificato la sua routine ospitando il centro tamponi drive trought. Della serie, di necessità virtù visto che “l’esperienza della pandemia ha messo in rilievo l'importanza dell'implementazione delle strutture sanitarie pubbliche”. Da qui l’indirizzo, già annunciato sia dalla vicesindaca Lucia Tanti che dall’assessore Alessandro Casi, di riqualificare l’edificio posto a livello strada del multipiano e destinarlo ad uso sanitario. La struttura attualmente si trova in disuso e, nonostante i tentativi di riqualificazione posti in atto nei mesi passati, necessita di interventi mirati per poter essere accessibile. Contestualmente, l’azienda sanitaria ha manifestato il proprio interesse per insediare parte dei propri servizi in questi ambienti. “Tali spazi - continua la delibera dell’ente comunale - bene si prestano a questo genere di attività poiché si affacciano su di un importante asse viario sia per i veicoli in entrata che in uscita dal centro città e inoltre sono favoriti dalla presenza del parcheggio interrato”.

Di fatto il progetto prevede due lotti: il primo relativo all’ala est dove sorgerà il punto prelievi ematici e il secondo riguardante il lato ovest sede di nuovi ambulatori medici.

“I lavori partiranno entro la fine dell’anno - ha specificato l’assessore ai lavori pubblici Alessandro Casi - siamo soddisfatti poiché tali interventi renderanno accessibile una struttura rimasta chiusa e inutilizzata da sempre. Inoltre sarà un luogo di pubblica utilità e questo è una volta di più un buon risultato. Dopo un confronto con la Asl, abbiamo provveduto a tutti gli adempimenti tecnici e burocratici e presto daremo avvio alla gara d’appalto. Dicembre sarà per noi una stagione ricca di cantieri. In via Baldaccio d’Anghiari oltre agli interventi previsti all’edificio, partiranno anche quelli sulla viabilità che porteranno al raddoppio del sottopasso ferroviario. In questo senso già nei prossimi giorni gli operai entreranno al lavoro per i primi interventi sul posto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da palazzina sfitta a centro prelievi: la seconda vita del Baldaccio. Al via i lavori per il raddoppio del sottopasso

ArezzoNotizie è in caricamento