rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Attualità

Un 8 marzo insieme ai liceali: così la Polizia ha parlato delle attività di contrasto alla violenza di genere

Presso il Teatro Tenda di Arezzo, nel corso dell’Assemblea d’Istituto degli studenti del Liceo Piero della Francesca, un rappresentante della Questura di Arezzo insieme alle figure impegnate nella rete antiviolenza cittadina, hanno incontrato le ragazze e i ragazzi informandoli su come riconoscere e contrastare il gravissimo fenomeno della violenza di genere

Questa mattina, personale della Questura di Arezzo in collaborazione con Confcommercio delle province di Firenze e Arezzo e Gruppo Terziario Donna, ha visitato numerosi pubblici esercizi del centro per diffondere il progetto “Sicurezza Vera” sulla violenza di genere negli esercizi commerciali, che ha come obiettivo quello di far sentire al sicuro sia il personale femminile che le clienti.

Il progetto intende insegnare ai dipendenti come riconoscere i segnali di potenziali molestie o violenze e a segnalarli immediatamente, anche attraverso l’app You Pol.

Attraverso il Protocollo “Sicurezza vera” la Polizia di Stato vuole far diventare gli esercizi pubblici, dove la socialità ha un ruolo di primo piano, vere e proprie sentinelle attive contro questi odiosi fenomeni.

L’iniziativa rientra nel più ampio progetto nazionale “Questo non è amore”.

Nella stessa mattinata, presso il Teatro Tenda di Arezzo, nel corso dell’Assemblea d’Istituto degli studenti del Liceo “P. della Francesca”, un rappresentante della Questura di Arezzo insieme alle figure impegnate nella rete antiviolenza cittadina, hanno incontrato le ragazze e i ragazzi informandoli su come riconoscere e contrastare il gravissimo fenomeno della violenza di genere.

In entrambe le iniziative i nostri operatori hanno distribuito l’opuscolo informativo “…questo non è amore” appositamente creato dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, sul quale gli stessi poliziotti hanno fornito notizie e approfondimenti, con l’obiettivo primario di veicolare il messaggio fondamentale dell’evento, ovvero  informare e incoraggiare le donne e tutte le vittime di violenza domestica e di genere,  a utilizzare gli strumenti disponibili per far emergere tali eventi chiedendo aiuto alle forze dell’ordine: non siete sole. Il Questore, quale Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza, nell’ottica della prevenzione ha a disposizione lo strumento normativo dell’Ammonimento, che costituisce la misura preventiva per eccellenza nel contrasto all’odioso fenomeno della violenza di genere.

All’apertura dei lavori dell’assemblea d’Istituto del Liceo  Piero della Francesca, la dottoresa Angela Lauretta, vice questore vicario, ha portato agli studenti il saluto del questore Maria Luisa Di Lorenzo, ringraziandoli per l’invito quale relatore, in questa importante giornata, di uno dei nostri più esperti Ispettori, peraltro di sesso maschile.

Prima dell’inizio dei lavori, il vicario del questore Lauretta e l’ispettore hanno consegnato a nome del questore e della Polizia di Stato dell’intera provincia, una panchina in legno che gli studenti della sezione artistica dipingeranno di rosso per poi posizionarla all’interno del meraviglioso parchetto interno della sede della Scuola di via XXV Aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un 8 marzo insieme ai liceali: così la Polizia ha parlato delle attività di contrasto alla violenza di genere

ArezzoNotizie è in caricamento