Attualità

San Polo e il post sul 25 aprile di Scanzi: "Chi inneggia a Mussolini deve andare in galera"

L'intervento del giornalista sul Giorno della Liberazione

Un post sul 25 aprile, che riguarda Arezzo e una delle stragi più efferate avvenute sul territorio, quella di San Polo. Il giornalista aretino Andrea Scanzi ha voluto così omaggiare il giorno della Liberazione con un intervento che è stato tra i più popolari su facebook sul tema e uno dei post più commentati di sempre sulla sua pagina.

Ogni anno, per il 25 aprile, faccio due cose. La prima è rileggermi qualche pagina di Beppe Fenoglio. La seconda - scrive Scanzi - è omaggiare le vittime dell’espressione più efferata dell’orrore nazifascista. Purtroppo, dalle mie parti, gli eccidi sono stati tanti. Questa è San Polo, poco distante da casa mia.

Lì nei pressi c'è la neonata via Marco Pantani e "stamani ho omaggiato anche lui, il Pirata" ha scritto Scanzi. Per poi tornare sulla strage di San Polo: il 14 luglio 1944, a seguito di un rastrellamento persero la vita "65 persone fra partigiani e civili, compresi donne, bambini e anziani".

Passerà il tempo, ma il 25 aprile lo festeggerò sempre. Per coltivare la memoria e ringraziare chi ha combattuto - spesso a costo della vita - per donarci la Libertà. Quella stessa Libertà di cui oggi, a costo e rischio zero, beneficia anche chi gioca al "duro" o al "fascio". Chi non festeggia il 25 aprile, o addirittura lo denigra, è ignorante o in malafede. O tutte e due le cose.

E poi continua l'affondo: "chi non conosce e onora la storia non può fare il ministro" per una "questione minima di decenza". E aggiunge: "chi ancora inneggia a Mussolini dovrebbe prima vergognarsi e poi esser messo in galera, perché fino a prova contrario è reato". Il post si chiude con l'invito - a chi sminuisce o insulta il 25 aprile - ad andare, senza francesismi, a quel paese.

Il post integrale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Polo e il post sul 25 aprile di Scanzi: "Chi inneggia a Mussolini deve andare in galera"

ArezzoNotizie è in caricamento