Attualità

Toninelli annuncia: "10 milioni per lavoratori e imprese colpiti dalla chiusura della E45"

E altri quattro milioni da Toscana Muove soltanto per i comuni aretini

Dieci milioni di euro a sostegno delle imprese e dei lavoratori colpiti dalla chiusura del viadotto Puleto sulla superstrada E45. E' quanto annunciato oggi su facebook dal ministro dello Sviluppo economico Danilo Toninelli. I fondi saranno contenuti nel Decreto Crescita e ripartiti tra i soggetti coinvolti sia nel versante toscano e che in quello romagnolo.

Gli altri quattro milioni "toscani"

La parte "aretina" del sostegno si va a sommare ai quattro milioni già staziati in ambito regionale da Toscana muove: a beneficiarne, in questo caso, aziende e realtà produttive che si trovano nei comuni di Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Sestino, Chiusi della Verna. In particolare, il fondo è destinato a micro, piccole e medie imprese e ai liberi professionisti che hanno subito un danno indiretto.

Quattro milioni per le aziende danneggiate dalla chiusura

La nota dell'Unione dei Comuni Valle del Savio

La misura annunciata da Toninelli era stata anticipata un paio di giorni fa da una nota di Marco Baccini, sindaco di Bagno di Romagna e vicepresidente dell'Unione Valle del Savio, e di Paolo Lucchi, sindaco di Cesena e presidente dell'Unione. Che avevano rivendicato la pressione esercitata da enti locali e categorie economiche.

In riferimento alla questione dei danni connessi all’emergenza E45, riceviamo con favore quanto stabilito dal Governo con il Decreto Crescita, che è stato bollinato dalla Ragioneria ed in attesa oggi della firma del capo dello Stato. Tra le misure contenute nel pacchetto, è stato previsto all’art. 40 del Decreto uno stanziamento di € 10 mln. a favore di lavoratori del settore privato, compreso quello agricolo, titolari di rapporti di collaborazione continuata e continuativa, di agenzia e di rappresentanza commerciale, di lavoratori autonomi, compresi i titolari di attività di impresa e professionali, che siano si sono trovati impossibilitati a esercitare o hanno dovuto sospendere la propria attività a causa della chiusura della E45 a seguito del sequestro del Ponte Puleto. Seppur con evidente ritardo rispetto agli impegni assunti dal Ministro Toninelli in occasione del sopralluogo al Ponte Puleto il 15 febbraio scorso ed alle ripetute promesse poi disattese dai parlamentari e senatori locali, finalmente vediamo che il Governo si è preso la responsabilità e l’impegno concreto di riconoscere dignità ai cittadini ed alle comunità che stanno subendo i disagi connessi alla chiusura della E45. 

Il messaggio di Toninelli

Il Governo del cambiamento - ha scritto il ministro delle Infrstrutture e dei Trasporti su facebook - sta mantenendo gli impegni presi e con il decreto Crescita è arrivato un importante sostegno economico in favore di lavoratori e imprese colpiti dalla chiusura del Viadotto Puleto, sulla E45. I 10 milioni stanziati sono il segnale tangibile della vicinanza dell’esecutivo ai cittadini e dell’importante lavoro portato avanti anche dai parlamentari M5S del territorio. Ma al tempo stesso il Mit è attento nel vigilare sulla tempestiva azione di Anas che sta già operando per l’avvio dei lavori di messa in sicurezza della ex 3bis Tiberina e che, una volta arrivato il via libera dei magistrati di Arezzo, potrebbe portare a compimento la parte più urgente del cantiere del Puleto in una decina di giorni.
Stiamo agendo con il massimo dell’impegno per ridare la normalità a un pezzo importantissimo dell’economia del Paese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toninelli annuncia: "10 milioni per lavoratori e imprese colpiti dalla chiusura della E45"

ArezzoNotizie è in caricamento