ArezzoNotizie

Nuove assunzioni e centoventi aperture nel mondo per l’aretina Aba

L’azienda di arredamenti sta continuando la sua fase di crescita, progettando locali in tutti i continenti. Dopo le cinque assunzioni del 2018, la crescita del personale proseguirà nel 2019 tra tecnici e artigiani.

Cinque assunzioni nel 2018 e un costante aumento dei dipendenti che continuerà anche nel nuovo anno. La progettazione e realizzazione di sempre nuovi locali in tutto il mondo ha permesso ad Aba Arredamenti, azienda nata nel 1954, di consolidarsi come un modello internazionale dell’artigianato italiano e di dar seguito ad una fase di crescita che ha motivato alcuni recenti investimenti, a partire proprio dal personale. Solo nell’ultimo anno sono stati curati in Italia e nei diversi continenti ben centoventi allestimenti di pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristoranti e pizzerie, lavorando anche per brand del calibro di Gucci e di Kering Italia, con un incremento dei progetti che ha richiesto un conseguente aumento della forza lavoro impiegata presso lo stabilimento di San Leo dove ha sede lo studio tecnico e l’intero reparto produttivo.

Negli ultimi dodici mesi, Aba ha superato il numero dei settanta dipendenti in virtù dell’inserimento di cinque nuove figure professionali legate ad ambiti tecnici e artigianali (dalla falegnameria alla verniciatura), ma anche per il 2019 sono in cantiere altrettante assunzioni.

"Siamo in una fase di crescita - commenta Massimo Giaccherini, titolare di Aba insieme al fratello Roberto, - e dunque stiamo creando nuove opportunità lavorative sul territorio aretino. Purtroppo la ricerca è lenta perché non è facile trovare figure professionali con le adeguate competenze tecniche, motivate dalla volontà di formarsi in un lavoro artigianale dove è necessaria la maestria nel lavorare il legno e le altre componenti di un arredo".

La creatività di ogni progetto e l’artigianalità della produzione sono i due punti di forza con cui Aba ha ottenuto consensi anche in occasioni del Sigep 2019 di RiminiFiere, una delle maggiori fiere internazionali dedicate a gelateria, pasticceria e panificazione artigianale. L’azienda aretina ha partecipato al salone con uno stand in cui ha ricostruito un vero e proprio locale ispirato al duplice obiettivo di soddisfare il benessere di clienti e dipendenti attraverso l’unione tra eleganza e design, con finiture tradizionali in legno combinate a forme più moderne, proponendo un innovativo modello che ha trovato apprezzamenti da tanti visitatori dall’Italia e dal mondo. Nel frattempo, Aba sta terminando una catena di quattro pasticcerie e gelaterie nel cuore di Londra, un ristorante italiano nella francese Aix En Provence e un caffè storico davanti alla cattedrale di Amalfi, mentre sta strutturando progetti per realizzare i primi locali in Marocco e ad Atene.

"Ogni ambiente ha la propria identità - aggiunge Giaccherini, - e la nostra bravura sta nel valorizzarla, combinando funzionalità ed estetica per esportare nel mondo la creatività artigianale aretina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove assunzioni e centoventi aperture nel mondo per l’aretina Aba

ArezzoNotizie è in caricamento