Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | La nuova area giochi a Soci

Tutto questo inaugura una serie di lavori pubblici da 2 milioni di euro già attivi, mentre sono già pronti altri 5 milioni

 

E’ stata inaugurata oggi l’area verde di via del Cedro a Soci. Si tratta di uno spazio pubblico completamente recintato che rimarrà chiuso di notte e  consta di un’area baby per i più piccoli dotata anche di pavimentazione idonea e anti trauma, un’area per i più grandicelli, un campo da basket e uno da calcetto oltre che un’area pic-nic molto ampia e panchine.

I lavori sono stati realizzati grazie alla preziosa collaborazione di Italia Garden che ha donato lavoro e giochi.

Il sindaco Filippo Vagnoli ha commentato: “L’area verde è stata completamente recintata perché la immaginiamo come un luogo protetto anche dal punto di vista delle sicurezza. Come per l’area che si trova nella zona artigianale di Soci, anche qui abbiamo coinvolto un gruppo di cittadini che si sono riuniti in un comitato apposito e che si prenderanno cura dell’area stessa. Vorrei ringraziare una ad una queste persone per il loro impegno che è quello di una presa in cura di qualcosa che è di tutta la comunità. Il progetto di questa area verde, seguito dall’assessore Matteo Caporali, ha visto la luce grazie alla collaborazione virtuosa di tanti cittadini e del privato che ha voluto realizzare i lavori. Quindi il valore di questo lavoro va ben al di là della sua grande funzionalità, ma coinvolge il senso stesso della socialità e in un momento come questo è molto importante”.

Tutto questo inaugura una serie di lavori pubblici da 2 milioni di euro già attivi, mentre sono già pronti altri 5 milioni.

L’onore del taglio del nastro di questo parco pubblico unico per bellezza e vivibilità, è stato lasciato da Filippo Vagnoli a Daniele Bernardini, già zindaco di Bibbiena, il motivo lo ha spiegato lo stesso Vagnoli: “L’idea è stata di Daniele, così come gli accordi con il privato. Mi è sembrato doveroso lasciare a lui questo gesto”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento