Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'olio, il vino e le mele della Fraternita dei Laici. I segreti di un'azienda agricola pluricentenaria

La nuova cantina è destinata all'affinamento dei vini in barriques e botti di rovere e permetterà di incrementare la produzione di vini di qualità

 

Quella della Fraternita dei Laici è in assoluto la più antica e radicata azienda agricola presente ad Arezzo. Nata insieme all'istituzione più di 750 anni fa, la produzione agraria è sempre stata una delle attività principali svolte sotto il coordinamento del magistrato.

Una tradizione che ancora oggi si rinnova. 

Le Tenute di Fraternita sono situate sulle colline di Castiglion Fibocchi e di Civitella in Val di Chiana, nell’ambito del territorio del Chianti D.O.C.G. I suoi possedimenti si estendono per 1000 ettari, 46 dei quali sono destinati a vigneto specializzato. Il centro produttivo principale è costituito dalla nuova cantina ubicata nei pressi dell’antica Fattoria di Mugliano, la seconda cantina, quella storica, è ubicata in un fabbricato risalente all’inizio del ‘900. Dagli ettari coltivati ad oliveto specializzato, le tenute producono un olio biologico certificato, preservando e custodendo un patrimonio olivicolo vero e proprio emblema del paesaggio toscano.

Tali proprietà sono pervenute a Fraternita dei Laici, socio unico delle Tenute , attraverso due importanti lasciti, quello del cavalier Giuseppe Ninci e quello del Conte Giovan Battista Occhini. Sin dai secoli passati le terre delle Tenute sono state coltivate mantenendo vitale un ambiente molto vocato per la coltivazione della vite e dell’olivo.

Dopo il taglio del nastro per la nuova cantina e wine shop di Tenute di Fraternita a Mugliano, nei pressi della moderna cantina di vinificazione. La nuova cantina è destinata all'affinamento dei vini in barriques e botti di rovere e permetterà di incrementare la produzione di vini di qualità.

"Nei prossimi mesi - spiega Pier Luigi Rossi, primo rettore - verrà raddoppiata la capacità con l'acquisto di altre 60 barriques. Nella cantina una zona è riservata ai caratelli per la produzione di vinsanto Occhio di Pernice. Nei nuovi locali anche  il nuovo punto vendita dove tutti i pomeriggi ed il sabato mattina si potranno acquistare i prodotti di Tenute di Fraternita".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento