Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Emergenza sanitaria: due aretine positive al Covid. Test sierologici nelle rsa

Il report quotidiano della Asl Toscana sud est riguardante la diffusione nel territorio del virus e le misure messe in atto per il contenimento

 

Altri contagi per il territorio aretino. Sono due le persone che, stando ai dati riportati dall'azienda sanitaria Toscana sud est, risultano positive al Coronavirus. Si tratta di una 74enne di Arezzo e una 48enne valdarnese (residente nel comune di Montevarchi). Per entrambe, fortunatamente, non si è reso necessario il ricovero presso le strutture ospedaliere. Le pazienti si trovano presso i rispettivi domicili. 

206 nuovi casi in Toscana, lieve aumento dei decessi. In calo i ricoveri

In tutto il territorio provinciale, da inizio dell'emergenza ad oggi, sono 377 le persone contagiate.

"La situazione non è molto differente da quella dei giorni precedenti - spiega il direttore generale della Asl Toscana sud est Antonio D'Urso - in tutto il territorio di nostra competenza sono sei i casi che si registrano oggi. Due di questi nella provincia di Arezzo, uno in città e l'altro nel comune di Montevarchi. E' vero però che in questo momento abbiamo in lettura presso i nostri laboratori molti tamponi. Sono certo che però i risultati saranno contenuti. Abbiamo predisposto un piano specifico così che dalla prossima settimana non vi siano test ancora da covalidare e analizzare. L'introduzione dei test sierologici è un altro punto a nostro favore perché ci consentirà di attuare dei monitoraggi più puntuali e di semplice lettura. Ovviamente la priorità, nell'esecuzione di questi screening, verrà data ai soggetti più esposti al contagio". 

Particolare attenzione anche per le residenze sanitarie. "Somministreremo agli ospiti e agli operatori di queste strutture - specifica D'Urso - i test sierologici. In questo modo saremo in grado di intervenire, dove ce ne sarà bisogno in maniera puntuale"

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento