Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Strage di Civitella, Ida Balò: "Non sarei qui se don Alcide non mi avesse insegnato il perdono"

Era solo una bambina quando i soldati della Hermann Göring entrarono a Civitella quel 29 giugno del 1944. La sua testimonianza

 

"Quasi quasi me ne andrei ma è il perdono che Cristo ci ha insegnato morendo sulla croce e che anche don Alcide mi ha insegnato fin da piccola cosa è l'amore e il perdono". Le parole sono quelle di Ida Balò, la presidente dell'associazione "Civitella ricorda", ma soprattutto sono le parole di quella bambina che la mattina del 29 giugno 1944 andò in chiesa con i propri cari. Era il giorno di San Pietro e Paolo, la festa nel segno dei due patroni di Civitella, quando i soldati della Hermann Göring arrivarono in paese sbarrando le vie di accesso e di fuga.

"Sangue, grida e morte ovunque". La storia di Luciano scampato all'eccidio di Civitella a 9 anni

"Rischio di commuovermi a raccontare cosa accadde quel giorno - confessa la signora Ida - quella mattina il nostro arciprete stava celebrando la messa quando sentimmo gli spariPrima in lontananzapoi sempre più viciniEro in chiesa insieme a tante altre persone e lì don Alcide ci faceva coraggiocon la sua fermezza ci diceva che non doveva preocupparci perchè erano i tedeschi in ritirata e che in ogni caso non avremmo dovuto fare resistenza ma consegnare quanto ci chiedevano. 'Io sono con voi" ci disse don AlcideVenne comunque sbarrato il portone della chiesa e che i soldati fecero saltare con una granata.
A questo punto i nazisti irruppero in chiesa e andarono dal nostro prete ordinandogli di uscireGli dissero 'rausma lui restò fermo sulla sua posizione e anzi gli ricordò che quello era un luogo sacro.
Don Alcide non volle lasciare i suoi fedeli. 'Mi devo togliere i paramentidisse ai soldatiAndò in canonicaprese il soprabitoe tornò dai suoi fedeliArrivato sulla porta della chiesa vedendo quanto stava accadendo in piazza urlò: 'il mio popolo è innocente, il mio popolo è innocente!'. Io venni portata sulla sinistra della piazza insieme agli altri bambini e alle donnelui fu incolonnato insieme agli altri uominiL'ultima immagine che ho di don Alcide è lui al centro della piazza che continuava a dire ai soldati: 'il mio popolo è innocente, il mio popolo è innocente!'.
Lasciammo Civitella incontrando i primi corpi lungo lo stradaDon Alcide venne ucciso e il suo corpo gettato insieme a quello di altri uomini nelle case date alle fiamme. Il ricordo che ho è quello di una persona energicadi grande fedefermezza e coraggio che ci ha sostenuto e ci sostiene ancora oggi".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento