Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Civitella, il tricolore su Villa Mazzi per ricordare Giovanni Falcone. L'omaggio agli eroi della libertà

A 28 anni dalla strage di Capaci il ricordo dell'amministrazione di Civitella. Un omaggio a tutti coloro che combattono per la libertà

 

Il 23 maggio 1992 a Capaci una bomba portò via oltre al magistrato antimafia Giovanni Falcone altre quattro persone, ferendone 23. Una giornata in cui la democrazia in Italia subì un duro colpo per mano della mafia. A 28 anni da quel giorno l'amministrazione comunale di Civitella in Val di Chiana, grazie alla collaborazione con alcuni cittadini e associazioni del territorio, ha voluto ricordare quegli eroi che dettero la propria vita per combattere la mafia.

Eroi che, come ricorda Maria Falcone, sorella di Giovanni, sono assimilabili agli eroi di oggi che hanno combattuto e combattono quotidianamente contro il Covid-19.

"Nel tentativo di valorizzare date fondamentali per la nostra democrazia e libertà - spiega il sindaco Ginetta Menchetti - abbiamo creato un virtuale filo conduttore, che ci possa accompagnare attraverso l’illuminazione dell’edificio pubblico di Villa Mazzi dal 23 maggio, anniversario della strage di Capaci, al 2 giugno, festa della Repubblica. I colori della bandiera italiana, il nostro tricolore, illumineranno fino al 2 giugno Villa Mazzi. La festa della Repubblica, insieme al 25 aprile, rappresenta per tutti noi la nostra democrazia e la libertà, valori maggiormente apprezzati anche in quest’ultimo periodo di emergenza".

La scelta di illuminare Villa Mazzi ha una duplice valenza che si concretizza nella sua posizione geografica che la rende visibile da gran parte del territorio, e nel fatto che la Villa ospita un centro di documentazione sui campi d’internamento.

"Seppur in questo momento non accessibile, a causa della ristrutturazione - prosegue il sindaco - questo edificio ha rappresentato durante la seconda guerra mondiale un luogo dove uomini e donne furono  privati della loro libertà. Un grazie particolare agli operai della manutenzione che con passione e in totale economia hanno realizzato questa illuminazione, e alle associazioni e cittadini che ci hanno stimolato nella realizzazione di questa iniziativa".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento